Precipita nella grotta per quattro metri, ritrovato vivo speleologo tolmezzino

L'escursionista un tolmezzino era in escursione all'interno della grotta quando, calandosi con la corda, è precipitato per quattro metri. L'uomo non avrebbe riportato traumi spinali. Ancora in corso le operazioni di salvataggio

I soccorritori in azione

E' stato ritrovato vivo lo speleologo disperso da stamani all'interno della Grotta Noè a Duino.

Lo speleologo tolmezzino, sessantanni, C. (Nome) S. (Cognome) le sue iniziali, è rimasto ferito all'interno della grotta nella tarda mattinata di domenica 27 gennaio. Le squadre del Soccorso alpino e speleologico si trovano ora all'interno della Grotta con due infermieri speleologi che hanno stabilizzato il ferito in attesa dell'arrivo del medico specializzato dalla Slovenia.

La caduta

L'uomo è precipitato sul fondo dall'Abisso ad una profondità di 50 metri dopo essere caduto da una altezza di 4 metri mentre si stava calando lungo la corda: non sembra presentare traumi alla spina dorsale e non è in pericolo di vita. La grotta è una dolina sprofondata a cielo aperto con una profondità massima di 50 metri ed un diametro di 80.

Per la chiusura dell'intervento si prevedono ancora circa due ore. Sul posto anche i Carabinieri, i Vigili del Fuoco e l'ambulanza. All'interno della Grotta si sono calati sette uomini tra tecnici e infermieri.

3-7-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento