Messaggio vocale via Whatsapp scatena rissa

Ad avere la peggio un minorenne vittima del pestaggio avvenuto per strada

Nuova rissa fra giovani a Udine. Nei guai questa volta sono finite cinque persone e un ragazzino, minorenne, trasportato all’ospedale di Udine per traumi e contusioni. A causare il litigio sarebbero stati alcuni messaggi vocali inviati via Whatsapp dal ragazzo ferito ad una compagna di scuola dove alludeva ad un comportamento poco corretto della giovane. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rissa per amore in San Giacomo, volati schiaffi e spintoni

Il minore avrebbe insinuato più volte il fatto mentre la compagna di scuola avrebbe sempre negato a tutte le accuse affermando di essere sempre stata a casa del fidanzato. Quest’ultimo, maggiorenne, infastidito dalle attenzioni del compagno di scuola, ha raggiunto il ragazzo con degli amici per chiarire la questione e, in poco tempo, dalle parole si è passati alle mani. Una zuffa che si è consumata in strada e che ha richiesto l’intervento del 118 e di due volanti della Questura. Per i cinque ragazzi coinvolti è scattata la denuncia a piede libero per rissa e lesioni personali. Il ragazzino è stato medicato e dimesso dall’ospedale Santa Maria della Misericordia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • Carlo Cracco stringe una collaborazione con un'azienda friulana

Torna su
UdineToday è in caricamento