rotate-mobile
inadempienze

Troppe inadempienze: risolto il contratto con la Sodexo per le mense di asili e nidi

La ditta era in difficoltà a rispettare il capitolato e l'offerta tecnica: risolto consensualmente il contratto con il Comune di Udine

Sono passate solo poche settimane da quando il Comune ha pubblicato le ultime penali a carico di Sodexo: penali che erano state preannunciate durante l'ultima commissione istruzione dedicata al caso delle mense scolastiche. E ieri è arrivata la notizia: Sodexo e Comune hanno deciso consensualmente di chiudere il contratto per la ristorazione negli asili e nei nidi. Ma se nel primo caso si tratta della scadenza naturale del contratto (il cui termine è il 30 giugno), nel secondo, ovvero per i nidi d'infanzia a gestione diretta del Comune ("Fantasia dei bimbi" e "Sacheburache"), si anticipa la chiusura che era prevista il 29 luglio. L'iter per la nuova assegnazione del servizio è già in corso; va da sé che la Sodexo proseguirà fino al 30 giugno, così come non ci saranno cambiamenti per quanto riguarda la Camst, che si occuperà delle mense scolastiche delle primarie e secondarie di primo grado, con contratto fino al 31 agosto. 

La rana nel piatto e le altre inadempienze

Già a inizio mese, l'assessora all'istruzione Elisabetta Marioni aveva dichiarato la soddisfazione per un servizio nettamente migliorato rispetto a quello dell'anno scorso. «Come ho già detto in commissione, queste sanzioni non fanno venire meno la bontà dei pasti, infatti non abbiamo più lamentele da parte dei genitori. Resta il fatto che ci siano delle inadempienze rispetto all’offerta proposta e dobbiamo applicare le regole», aveva dichiarato al tempo. Per il Comune, insomma, il fatto che si sia arrivati a questa decisione è frutto dei controlli - finalmente - rigorosi, «che portano anche alla luce le inadempienze delle ditte che hanno vinto un appalto che devono rispettare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe inadempienze: risolto il contratto con la Sodexo per le mense di asili e nidi

UdineToday è in caricamento