Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Anche in Friuli Venezia Giulia riparte il servizio civile

In Friuli Venezia Giulia saranno impegnati 300 ragazzi dai 18 ai 28 anni dopo la sospensione del servizio di inizio marzo

"A partire dal prossimo 16 aprile anche in Friuli Venezia Giulia il Servizio civile universale si rimetterà progressivamente in moto nei progetti che erano stati sospesi a inizio marzo per l'emergenza coronavirus". A dichiararlo il vicegovernatore con delega alla salute, Riccardo Riccardi.

Ragazzi al lavoro

In tutta la regione saranno impegnati 300 ragazzi (sui 400 totali) dai 18 ai 28 anni. La ripartenza del servizio è frutto della collaborazione e del lavoro svolto nelle ultime due settimane fra il dipartimento delle politiche giovanili della Presidenza del Consiglio, la Regione e gli enti di servizio civile.

Sicurezza

La ripartenza del servizio avverrà secondo le tempistiche definite dagli enti con delle modifiche e riprogettazioni eventuali delle attività. Verranno adottate le opportune modalità per salvaguardare la loro sicurezza, in modo da contribuire anche attraverso il servizio civile universale alla gestione della straordinaria situazione di emergenza che il Paese sta affrontando, nel rispetto delle disposizioni emanate da Governo e Regione. "Soprattutto in questo periodo di emergenza – come ha sottolineato il vicegovernatore –, l'attività del servizio civile rappresenta un importante strumento per garantire supporto e assistenza alle comunità".

Nuovi obiettivi

I progetti potranno essere rimodulati, identificando nuovi obiettivi. Se ciò non fosse praticabile, dopo aver verificato la possibilità di impiegare i volontari in altri progetti propri, si potrà valutare l'opportunità di far operare i ragazzi in attività di altri enti titolari di accreditamento che sono attivi sullo stesso territorio o presso istituzioni pubbliche che segnalano esigenze specifiche o presso organizzazioni private senza scopo di lucro non accreditate, in una sorta di 'gemellaggio'. Solo in via eccezionale il progetto potrà essere temporaneamente interrotto e riattivato non appena si ripristineranno le adeguate condizioni.

Come si lavorerà

Le attività potranno essere realizzate presso la sede originaria di attuazione del progetto o presso la sede di un altro ente (anche sulla base di un gemellaggio). In ogni caso, si dovrà ottemperare a quanto previsto dalle normative vigenti in termini di spostamenti e di distanziamento sociale, oppure da remoto (quando il volontario opera presso il luogo in cui dimora). Può avvenire, inoltre, che per una singola sede parte degli operatori volontari svolga attività sul campo e parte da remoto.

Dispositivi di protezione

Se l'operatore volontario presta servizio sul campo è necessario che sia dotato dei dispositivi di protezione individuale adeguati all'esposizione al rischio. Tra le attività, si va dal supporto da remoto nei compiti a bambini con difficoltà scolastiche ai contatti telefonici con i cittadini appartenenti a categorie fragili, ma anche consegna di spese o medicinali a domicilio e sviluppo di attività culturali e di intrattenimento. Per tutti i progetti e in via preventiva, è autorizzata una proroga per le attività di formazione generale e specifica rispetto alle tempistiche progettuali e possono essere rimodulate le ordinarie attività di monitoraggio e valutazione condotte dall'ente, comprese le verifiche previste e i relativi strumenti utilizzati per la misurazione dei livelli di apprendimento raggiunti nell'ambito delle attività formative.

Normative

La Regione, attraverso il servizio politiche per il terzo settore e Infoserviziocivile, sta svolgendo un ruolo di accompagnamento e supporto degli enti, favorendo un lavoro di rete, sviluppando prassi comuni, informando sulla normativa e cercando di dare risposte alle richieste dei vari soggetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche in Friuli Venezia Giulia riparte il servizio civile

UdineToday è in caricamento