menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Palazzo Torriani a Udine, sede dell'incontro

Palazzo Torriani a Udine, sede dell'incontro

Riforma del mercato del Lavoro, Confindustria Udine ne analizza i lati positivi

Questa mattina a Palazzo Torriani l'avvocato Maresca, ordinario di diritto del lavoro, ha spiegato i lati positivi e negativi di questa riforma

Non cessa di far discutere la riforma del mercato del lavoro, entrata in vigore lo scorso 18 luglio, che è stata oggetto questa mattina a palazzo Torriani – e in videoconferenza presso la Delegazione di Tolmezzo – di un partecipato incontro di approfondimento con il professor avvocato Arturo Maresca, ordinario di diritto del lavoro. Nell’aprire i lavori del convegno, coordinato da Maria Grimaldi Responsabile dell’Area Lavoro e Relazioni industriali, il direttore di Confindustria Udine, Ezio Lugnani, ha evidenziato come questa riforma che presenti diverse criticità legate all’incremento del costo del lavoro e ad una incompiuta flessibilità, viva la contraddizione di ambire ad un mercato del lavoro dinamico ed inclusivo, frenato da vincoli che rischiano invece di acuire la precarietà del rapporto di lavoro stesso. 

Per il professor Maresca siamo in presenza di “una legge importante, seppure complessa, che ha cambiato aspetti un tempo intoccabili. La portata di questa riforma – ha aggiunto Maresca – sta nell’aver voluto toccare la flessibilità in uscita. Una finalità che tuttavia non si è realizzata in quanto permangono diverse incertezze e ambiguità interpretative. Non per questo, però – ha ammonito il professore -, dobbiamo cadere nell’errore di non utilizzare questa legge a causa della sua complessità. Vanno infatti ricercati quei percorsi applicativi per le opportunità che comunque questa riforma offre al mondo delle imprese”.

Nel suo intervento Maresca ha pure ricordato come questa riforma non incida sulla diminuzione del costo del lavoro, anzi lo incrementi per finanziare le indennità di disoccupazione. “L’auspicio è che, in futuro, vengano prese in considerazione le ipotesi di detassare e agevolare tutto ciò che incrementa la produttività”.      

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento