Sgominata banda criminale che riciclava SUV e vetture di lusso

L'indagine, curata dalla Procura delle Repubblica di Udine, è partita da un controllo della Polizia stradale di Palmanova. Sono state arrestate 12 persone in tutta Italia e sequestrati 11 veicoli

L’operazione è nata il 19 novembre del 2010, quando una pattuglia della Polizia stradale di Palmanova ha fermato all’area di servizio di Gonars, per un normale controllo, un SUV di marca tedesca, di proprietà di una società di leasing. Alla guida c’era un ex ispettore della Polizia penitenziaria, che non risultava in possesso di nessun titolo per condurre il veicolo.

Da quel momento è nata l’ipotesi, poi rivelatasi corretta, di un tentativo di esportare all’estero il veicolo per riciclarlo in qualche modo, considerato che lo stesso soggetto risultava avere già fatto la stessa cosa con delle vetture di cui successivamente era stato denunciato il furto.

L’indagine ha avuto come referente il Dottor Andrea Gondolo della Procura della Repubblica di Udine. Si è accertato come i locatari dei mezzi, dopo aver ceduto le auto all’organizzazione a un prezzo conveniente, ne simulavano il furto con regolare denuncia.

I procacciatori dei veicoli facevano leva sulle condizioni economiche precarie dei locatari, chiudendo velocemente la trattativa e garantendo un buon gruzzolo. Veniva così fatta la delega per l’uso del mezzo, il conducente incaricato lo conduceva a destinazione  dove veniva reimmatricolato per essere immesso sul mercato bielorusso, passando dalla Lituania. A questo seguiva la denuncia per furto, che accontentava tutti: il locatore aveva ricevuto il suo compenso, la società di leasing (ignara) godeva del risarcimento del danno per il furto e l’organizzazione criminale cedeva il mezzo sul mercato dell’ex repubblica sovietica guadagnando sul prezzo a cui l’aveva riscattato.

Si è accertato il riciclaggio di 53 veicoli, per un valore di oltre 2 milioni e mezzo di euro. Di questi 11 sono stati sequestrati. Le persone indagate a vario titolo sono state 33, quelle arrestate 12, sparse in tutta Italia.

L'organizzazione aveva una struttura ramificata: i procacciatori cercavano il veicolo, gli autisti lo conducevano a destinazione, i falsari riproducevano i documenti per la nuova immatricolazione. Tutto a regola d'arte, fino all'incontro con la Polstrada della città stellata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lei urina di fronte alla vetrina del ristorante all'ora dell'aperitivo, lui sfonda una porta

  • Il giovane udinese che vizia di lusso vintage Chiara Ferragni: la storia di Massimo

  • Via tutti gli ombrelloni dalla spiaggia libera a Lignano

  • Si sveglia per un malore, si accascia e muore, la vittima è un 55enne

  • Grave incidente nella Bassa, motociclista cade e s'incastra sotto il guardrail

  • Risse, gente nuda per strada, alcol e provocazioni: il pomeriggio in viale Leopardi

Torna su
UdineToday è in caricamento