Sauris, riapertura al transito per il ponte sul Lumiei

La cerimonia giovedì 30 giugno alla presenza delle autorità. Un' operazione da 750 mila euro

Cronoprogramma rispettato, transiti diretti per l’estate da e verso Sauris lungo la provinciale salvaguardati. Giovedì 30 giugno alle 11 si terrà la cerimonia di riapertura al transito del ponte ad arco (progressiva km 6+850) della strada provinciale del Lumiei, la strada che da Ampezzo conduce a Sauris. Saranno presenti il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini, insieme al vice con delega alla viabilità Franco Mattiussi, i sindaci di Sauris Ermes Petris e Ampezzo Michele Benedetti. Il tratto si potrà nuovamente percorrere nei due sensi di marcia fino al 17 luglio; successivamente, per consentire la prosecuzione dei lavori sull’infrastruttura, sarà istituito un transito a senso unico alternato semaforizzato.

Il ponte è stato oggetto di un intervento di rifacimento della sede stradale che è stata ampliata e resa più idonea alle attuali esigenze di traffico veicolare e resa compatibile con il transito di due veicoli in direzione opposta. L’intervento eseguito dall’impresa Edilverde di Martignacco (appaltatrice) insieme alle ditte Cimenti di Ovaro e Sils di Sauris (subappaltatrici) ha riguardato anche i parapetti, la predisposizione dell’impianto di illuminazione (di cui prima il ponte era sprovvisto e la cui installazione si concluderà in autunno) e la posa dei cavidotti per i servizi a rete come le fibre ottiche; ripristinata anche la pavimentazione in porfido delle gallerie. Conclusa quest’importante fase che consente di ristabilire la percorribilità del ponte sulla provinciale e quindi evitare le deviazioni, ora il cantiere prosegue nella fase 2 che prevede la pulizia e il ripristino delle strutture in calcestruzzo armato sottostanti l’impalcato rinnovato (conclusione 5 ottobre).

Costruito un’ottantina di anni fa, il ponte ad arco che attraversa la gola del torrente Lumiei è stato oggetto di verifiche e rilievi strutturali dai quali era emerso il forte e crescente stato di degrado. A preoccupare maggiormente era proprio l’impalcato gravemente ammalorato, fuori norma in relazione alle attuali esigenze di sicurezza stradale e dimensionalmente insufficiente alle attuali necessità di traffico veicolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

750 mila euro l’importo complessivo dell’operazione finalizzata alla messa in sicurezza di un tratto di strada provinciale tra le più problematiche dal punto di vista gestionale  - specie d’inverno - del patrimonio stradale della Provincia di Udine, la cui completa e sicura fruibilità è funzionale a sostenere lo sviluppo economico di questa zona e a mantenere in loco attività produttive che garantiscono occupazione agli abitanti. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

Torna su
UdineToday è in caricamento