rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca

Come cambierà il sistema sanitario in Fvg, la Regione incontra gli ordini e le associazioni

In ballo la revisione dell'assetto organizzativo della sanità del Friuli Venezia Giulia

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra l'amministrazione regionale e i vertici del Corepas Fvg insieme ai rappresentanti degli ordini e delle associazioni delle professioni sanitarie e del sociale. Lo scopo, la revisione dell'assetto organizzativo del Sistema sanitario regionale.

Il tema

Argomento principe è stato il rilancio, nell'Azienda regionale di coordinamento per la salute (Arcs), del Centro di coordinamento delle professioni sanitarie e del sociale, già istituito nel marzo 2018 dall'Egas, e che potrebbe, secondo Ordini e Coreaps, contribuire alla diffusione dei modelli organizzativi derivanti dal recente riordino del Ssr. I vertici delle associazioni - presenti la vicepresidente del
Coreaps, Susanna Agostini, la presidente dell'Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche della Riabilitazione e della Prevenzione (Tsrm-Pstrp), Barbara Pelos, la coordinatrice regionale degli Ordini delle ostetriche, Roberta Giornelli, e il rappresentante dell'Associazione nazionale educatori professionali, Andrea Monculli - hanno inoltre richiamato l'attenzione della Regione sul rischio che nell'attuale fase di riorganizzazione che sta interessando l'area friulana e quella giuliano-isontina vengano riproposti modelli di servizi unici a direzione infermieristica, ribadendo come il modello a direzione unica, oltre a non essere coerente alle norme di riferimento, non garantisca la massima efficienza ed efficacia professionale.

Nel sociale

Per quanto riguarda l'area del sociale è stato inoltre ricordato che non è stata ancora compiutamente realizzata la costituzione del servizio sociale professionale in tutte le Aziende e che, negli attuali atti aziendali, non è previsto un modello organizzativo di gestione professionale e assistenziale omogeneo e adeguato in tutta la regione per il personale di questo profilo.

Ulteriori richieste

Nel corso dell'incontro, inoltre, è stato richiesto alla Regione di sensibilizzare le Aziende all'applicazione della legge 3/2018 che prevede l'iscrizione dei professionisti che erano in precedenza regolamentati ma non afferenti all'Ordine. Trattasi di 17 figure professionali (fisioterapisti, logopedisti, tecnici di laboratorio e della prevenzione, ecc.) delle 19 complessive che compongono attualmente l'Ordine Tsrm-Pstrp. La non iscrizione, ha ricordato Pelos, si configura come esercizio abusivo della professione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come cambierà il sistema sanitario in Fvg, la Regione incontra gli ordini e le associazioni

UdineToday è in caricamento