rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Il barcone naufraga davanti ai loro occhi, il racconto di due udinesi

L'esperienza di chi ha prestato i primi soccorsi raccolta in un reportage di Erika Zanon

Lorenzo e Lionella, una coppia di Udine, raccontano in un breve reportage l'esperienza vissuta durante le loro ultime ferie trascorse in Grecia. Ovvero di quando dalla loro piccola casa fronte mare, si sono trovati a soccorrere un gruppo di 70 migranti (provenienti da Siria, Afghanistan, Iran e Turchia) in difficoltà, naufragati dopo che la loro imbarcazione si era arenata in seguito ad una tempesta.

Usare-2Erika Zanon, le giornalista che ha realizzato il reportage video, con l'aiuto al montaggio di Alessandro Galliera, li ha intervistati portando alla luce questa storia: la partenza dalle coste turche, la cifra esorbitante pagata per il trasporto, i 6 giorni in mare durante la tempesta e il lungo ed estenuante viaggio nelle rotte del deserto. Un racconto crudo e reale riflesso di realtà lontane. Le immagini amatoriali sono state raccolte in tempo reale e senza filtri a testimonianza degli eventi.

I due friulani hanno prestato loro i primi soccorsi fino all’arrivo delle autorità. I profughi sono stati poi trasportati al piccolo porto dell’isola in attesa del traghetto che li avrebbe portati nel grande centro di accoglienza nella periferia di Atene. “Non è come in televisione – racconta Lorenzo –. Quando ti trovi a vivere l’emergenza in prima persona cambi e ti chiedi quale sia la cosa più giusta da fare. Ho visto persone dignitose, un’immagine diversa da quella a cui siamo abituati. Certo è che non è facile pensare a cosa rischiano per arrivare fino a qui”.

prof 3-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il barcone naufraga davanti ai loro occhi, il racconto di due udinesi

UdineToday è in caricamento