Recuperato l'uomo infortunato nella discesa della forra. In corso un altro soccorso

Si è fratturato una caviglia scendendo nella forra del Rio Patoc ed è stato recuperato dall'ambulanza dopo che i compagni lo avevano trasportato sul sentiero. In questi istanti è in corso anche il recupero di una donna sulla parete del Creton di Culzei

Sono terminate le attività di recupero dell'uomo caduto oggi pomeriggio nella forra del Rio Patoc. L'uomo, originario della Repubblica Ceca, si è infortunato durante una discesa nella forra ed è stato recuperato e consegnato all'ambulanza dai tecnici del Soccorso Alpino di Moggio Udinese A condurre le operazioni di soccorso è stata la squadra forre del Soccorso Alpino insieme ai soccorritori della Guardia di Finanza di Sella Nevea: in tutto si è adoperata una quindicina di uomini.

Il recupero

L'uomo era assieme ad altri quattro compagni e si è fratturato una caviglia poco dopo aver iniziato la discesa lungo la forra. Sono stati alcuni dei compagni a portarlo fuori dal Rio fino all'imbocco del sentiero, dove è stato imbarellato e trasportato lungo lo stesso sentiero - che da Patoc conduce a Raccolana - fino alla strada dove è stato onsegnato all'ambulanza. Sul posto anche l'elisoccorso del Friuli Venezia Giulia che ha scaricato l'equipe medica per le prime cure.

L'infortunio di un'altra donna

È in corso in questi momenti un intervento di soccorso della stazione di Forni Avoltri del Soccorso alpino e speleologico per una donna infortunata in parete mentre saliva in cordata sul Creton di Culzei. La donna è già stata raggiunta. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • La terra trema in Carnia, epicentro a Tolmezzo

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

  • Quali sono gli errori di stile da evitare quando ci si veste?

  • Matrimonio salviniano a Remanzacco, festa con la bandiera della Lega

Torna su
UdineToday è in caricamento