Reati in calo, ma truffe online in crescita esponenziale. I numeri dei carabinieri

Nel giorno del 205esimo anniversario di fondazione dell'Arma è stato fatto un consuntivo sull'ultimo anno di attività, che vede 1000 reati in meno, ma frodi informatiche in aumento

I carabinieri durante le celebrazioni del 205° anniversario di fondazione dell'Arma

Nel giorno del 205esimo anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri, il comando provinciale di Udine ha voluto "dare i numeri" dell'ultimo anno di attività. Un anno positivo, dalle parole del generale di brigata Vincenzo Procacci, comandate della Legione Carabinieri "Friuli Venezia Giulia" e dell comandante provinciale di Udine, il colonnello Alfredo Vacca, che hanno confermato entrambi il trend che vede un calo di reati. «Nell'ultimo periodo sono calati tutti i tipi di reato. L'unico che, invece, è aumentato esponenzialmente è quello che riguarda le truffe online».

I reati

Da fine maggio 2018 a inizio giugno 2019, infatti, i numeri dei reati denunciati in provincia di Udine per i quali sono intervenuti i carabinieri hanno continuato a scendere: in totale, da 11242 si è passati a 11184 delitti denunciati. Tra questi, ad alzare il totale sono le truffe e le frodi informatiche che da 1427 dono passate a 1673. «In generale sono calati i reati che creano allarme sociale come furti nelle abitazioni e nelle auto e le rapine, mentre sono aumentate le truffe e le frodi informatiche. Per questo motivo lanciamo l'appello - ha dichiarato il generale Procacci - a tutti i cittadini di stare sempre molto attenti nel fare acquisti online e a non avventurarsi in affari sospetti». A fargli da eco anche il comandante provinciale di Udine, il colonnello Alfredo Vacca che ha dichiarato «che per ridurre ancora i reati, bisogna crescere nella cultura della denuncia». Un capitolo a parte riguarda il tema della droga, per il quale i reati non calano ma i carabinieri registrano un'incremento di uso di sostanze stupefacenti diverse da marijuana e hashish tra i giovanissimi.

I numeri

Nel complesso sono stati svolti 71mila servizi esterni di controllo per un compessivo di 371mila ore di servizio (che coprono il 73% dei reati attenzionati da tutte le forze dell'ordine). Non sono mancati i feriti in servizio che sono stati 54, normalmente frutto di violenta reazione all'attività di legittima sicurezza istituzionale. Tra i reati per i quali ha proceduto l'Arma, quelli per cui si è registrato un maggior calo sono stati i furti (400 in meno), anche se sono i reati che hanno la più bassa percentuale di risoluzione. A cresce, come detto, i reati di frode informatica e truffa online, ma non solo. In crescita ci sono anche le estorsioni (da 33 a 35 in un anno di cui 27 denunciate ai carabinieri), le minacce (da 244 a 265) e le violenze sessuali (da 13 a 22 solo quelle denunciate ai carabinieri).

La cerimonia

Per festeggiare il 205esimo anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri è stata organizzata una cerimonia nella sede del Comando Legione Carabinieri "Friuli Venezia Giulia", alla presenza di autorità civili, religiose e militari della regione, oltre che dai parenti dei militari. Nel rivolgere un plauso a tutti i Comandanti di Stazione, definiti "autentiche sentinelle del territorio", il Generale Procacci ha fornito un consuntivo dell'attività prima della premiazione dei meritevoli. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Si accorge del monossido e salva i colleghi dall'intossicazione mortale

Torna su
UdineToday è in caricamento