Amnesty International: Giulio Regeni morto in un'ondata di repressione brutale

Secondo un rapporto dell'organizzazione umanitaria, il ricercatore di Fiumicello è stato torturato in modo simile agli egiziani morti in custodia allo Stato

Un rapporto sull'Egitto e su centinaia di persone uccise e torturate "in un'ondata di repressione brutale". E, tra loro, risulta anche Giulio Regeni. E' quello presentato da Amnesty International che mette in luce una serie di rapimenti di "sparizioni forzate" a partire dal 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diversi i casi analizzati, tra cui quello del giovane ricercatore di Fiumicello: "La sparizione forzata dello studente italiano Giulio Regeni, trovato morto al Cairo nel febbraio 2016 con segni di tortura, ha attratto l'attenzione dei mezzi d'informazione di ogni parte del mondo - scrive la stessa Amnesty in un comunicato - . Le autorità egiziane si ostinano a negare qualsiasi coinvolgimento nella sparizione e nell'uccisione di Giulio Regeni, ma il rapporto di Amnesty International rivela le similitudini tra i segni di tortura sul suo corpo e quelli sugli egiziani morti in custodia dello stato. Ciò lascia supporre che la sua morte sia stata solo la punta dell'iceberg e che possa far parte di una più ampia serie di sparizioni forzate ad opera dell'Nsa (l'Agenzia per la sicurezza nazionale ndr) e di altri servizi d'intelligence in tutto il paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia al primo posto in Italia nel rispetto delle limitazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento