Arrestati prima del nuovo colpo, in manette i rapinatori fan di Valentino Rossi

Si tratta di una coppia, composta da un 25enne di Acireale e una 41enne di Palmanova. Stavano per derubare nuovamente il Lidl di San Giovanni. Sul tettuccio della loro auto campeggiava un grande 46 giallo, come quello del "Dottore" campione di motociclismo

Le immagini delle telecamere di video sorveglianza dei supermercati colpiti

Stesso metodo, bersagli simili colpiti a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro, sopralluoghi dettagliati prima di operare, il passaggio dal taglierino alla pistola  e velocità d’esecuzione. Poi la fuga su una Fiat Stilo scura, con un grande 46 giallo - quello del campione di motociclismo Valentino Rossi - stampato sul tettuccio. Sono queste le caratteristiche dei colpi effettuati nei supermercati di Udine e provincia da parte di una coppia di criminali - il 25enne R.B. di Acireale (Catania) e la 41enne E.G. di Palmanova - arrestata giovedì in un’operazione congiunta di polizia e carabinieri. L'accusa è quella di "rapina in concorso". L'inchiesta è seguita dal sostituto procuratore Giorgio Milillo della Procura della Repubblica di Udine. Ad agire attivamente, con una decina di uomini in totale impegnati giorno e notte, sono state la Compagnia dell’Arma di Palmanova - comandata dal capitano Stefano Bortone - e la Squadra mobile della Questura di Udine, coordinata dal vice questore aggiunto Massimiliano Ortolan.

La presentazione dell'operazione

Carabinieri.Bortone-2

L’arresto

La vicenda si è conclusa giovedì in tarda serata al Lidl di via Nazionale a San Giovanni al Natisone, preda appetita dai due visto che l’orario di chiusura infrasettimanale è fissato per le 21. La coppia agiva infatti sempre in orari simili (a fine giornata o prima di pranzo), in modo da trovare meno gente possibile e approfittare del fatto che le casse dei diversi esercizi commerciali fossero piene. Sono stati bloccati prima di iniziare il loro “lavoro” dopo una colluttazione tra R.B. e diversi effettivi. L’uomo, che impugnava una pistola semiautomatica (poi una scacciacani), è stato immobilizzato in seguito a una colluttazione proprio nel momento in cui si stava introducendo nel negozio. La donna è stata raggiunta mentre attendeva sul retro il suo complice per garantirsi la fuga.

Il taglierino, la scacciacani e la felpa del rapinatore

rapina-11

Gli altri episodi

In precedenza avevano colpito l’Eurospar di via Cavour a Palmanova il 12 maggio (424 euro di bottino), l’Eurospar di via del Bon a Udine il 15 maggio (qui vennero sottratti 2.115 euro) e lo stesso Lidl di San Giovanni il 21 maggio (4mila gli euro rubati). Il denaro non è stato trovato. Va segnalato che R.B. venne indagato per un episodio di cronaca verificatosi in piazza San Giacomo nell'agosto del 2015, quando un 23enne del Kosovo rimase ferito, dopo essere stato aggredito con un'arma da taglio, senza riportare conseguenze gravi.
 

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Scompare da casa e tenta il suicidio, i poliziotti la salvano per miracolo

  • Incidente mortale in Slovenia, la vittima è un 48enne di Palmanova

Torna su
UdineToday è in caricamento