Ragogna, dalla cassa della parrocchia scomparsi 230mila euro

La Procura di Udine ha chiuso le indagini nei confronti del parroco e di un fedele, che ha avrebbe intascato anche 600mila euro del prete. Le accuse parlano di appropriazione indebita, malversazione, simulazione di reato e ricettazione

La Procura di Udine ha chiuso le indagini su un caso di sottrazione di fondi dalla Parrocchia di Ragogna, iscrivendo nel registro degli indagati il parroco e un fedele, accusati rispettivamente di appropriazione indebita e malversazione e simulazione di reato e ricettazione.

Ad impossessarsi del denaro sarebbe stato il parroco che, in dieci anni, avrebbe consegnato al fedele circa 230mila euro, oltre a 600mila euro di sua proprietà.

Il parroco avrebbe dichiarato di aver versato a Bortoluzzi in varie tranche l'ammontare del denaro per aiutarlo a risolvere problemi economici, mentre il fedele avrebbe sostenuto di aver a sua volta girato il denaro a un presunto intermediario, poi scomparso con i soldi. Una versione poco  credibile secondo gli inquirenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • È ritornato il giustiziere delle piste ciclabili, avvistato oggi a rigare le auto parcheggiate

Torna su
UdineToday è in caricamento