rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Cronaca

Fatture false per 70 milioni, aziende friulane nella ragnatela

Aracne, maxi operazione della Guardia di Finanza, smaschera un frode fiscale che coinvolge diverse città

Sono coinvolte anche delle aziende friulane nella maxi operazione della Guardia di Finanza “Aracne" partita da Rovigo e che riguarda il campo dell’abbigliamento. Gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza del capoluogo veneto hanno scoperto una frode fiscale per 70 milioni di euro di fatture false emesse e 12 milioni di euro di evasione all’Iva. Un’operazione iniziata nel 2015 e che si è conclusa solo negli scorsi giorni con le contestazioni fiscali.

LE INDAGINI. Gli accertamenti delle Fiamme Gialle  hanno portato alla constatazione, nei confronti di una delle società maggiormente coinvolte nel sistema fraudolento, di costi indeducibili per utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti per 7,5 milioni di euro e di un’evasione Iva  per circa 1,7 milioni. Il responsabile è stato segnalato all’autorità giudiziaria inquirente per indebita compensazione di imposte dovute. Erano stati indagati 9 responsabili, per la maggior parte originari della provincia rodigina, molti dei quali con precedenti specifici, e 21 erano le società coinvolte di cui 15 nazionali (alcune a Ferrara, Caserta, Udine e Padova) e 6 all'estero (5 in Romania e una in Slovacchia).

Redditi in nero nascosti al fisco per oltre 400 milioni di euro

LA RAGNATELA. Il sistema illecito scoperto dalla Guardia di Finanza si basava sull’utilizzo di società costituite ad hoc per evadere le imposte e maturare crediti Iva inesistenti che venivano poi utilizzati per il pagamento di contributi previdenziali. In particolare, società che trattano famosi brand moda, facevano confezionare abiti ad un’altra impresa che a sua volta, avrebbe commissionato i lavori a terzi. Le società “terziste”mutavano spesso denominazione e compagine facendo ruotare i propri lavoratori allo scopo di sviare le indagini. In più emettevano fatture false allo scopo di beneficiare di fittizi crediti Iva da compensare con le altre imposte, permettendo così ai propri partner del sistema di essere particolarmente concorrenziali sui prezzi praticati ai committenti. Un sistema complesso, una tela di ragno, una Aracne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatture false per 70 milioni, aziende friulane nella ragnatela

UdineToday è in caricamento