menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Punta dalle vespe in montagna, teme lo shock anafilattico e chiama il soccorso alpino

Una donna classe 1951 è stata portata in ospedale a Tolmezzo. Stava facendo un'escursione con un'amica

Punta da alcune vespe durante un'escursione nelle Alpi Carniche, è stata messa in salvo dal Soccorso alpino dopo aver temuto uno shock anafilattico. È successo a una donna di Vito d'Asio, classe 1951, impegnata in un'escursione in Val Pontebbana.

L'infortunio

La donna stava scendendo da Sella Cereschiatis verso Malga Glazzat Alta quando, in località Russiz – nei pressi di due stavoli – è stata punta. Temendo uno shock anafilattico la compagna ha allertato i soccorsi intorno alle 14.30. Si è così mobilitata la stazione di Moggio - Pontebba, che al telefono ha cercato di individuare la posizione delle due escursioniste sulla base delle descrizioni approssimative fornite: anche la compagna era infatti sotto shock e non riusciva a collaborare con freddezza, impedendo così la possibilità di effettuare una georeferenziazione con il cellulare.

I soccorsi

Grazie ad un tecnico del soccorso alpino di Studena Bassa si è però riusciti a risalire al punto preciso, situato nei pressi di una radura. Sul posto è stato inviato l'elisoccorso assieme a una squadra da terra tramite la pista forestale. In tutto sono stati cinque i tecnici tra uomini del Soccorso Alpino e della Guardia di Finanza. La donna non è in pericolo di vita, ma è stata trovata in ipotermia a causa della sosta prolungata: è quindi stata condotta all'ospedale di Tolmezzo per gli accertamenti del caso.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scontro sulla Napoleonica, distrutta un'automobile

  • Salute

    Ora a Udine ci si cura dai malanni facendo l'orto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento