menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cravatte annodate come cappi davanti alla Popolare di Vicenza

La protesta "anti-banche" di Casapound

Cravatte annodate a simboleggiare il cappio messo al collo dei risparmiatori dagli usurai in doppiopetto e manifesti con su scritto "Cittadino quello che hai risparmiato ti abbiamo mangiato”: sono comparsi nella notte davanti alle filiali della Banca Popolare di Vicenza. La protesta di Casapound è nei confronti dell'istituto di credito sottratto dal fallimento dal ‘Salvabanche’, ma che come Veneto Banca - si legge in un comunicato - ha messo in ginocchio migliaia di ignari risparmiatori.

IMG-20151223-WA0038-2"Azioni e risparmi bruciati e svalutati rendono di fatto gli investimenti dei risparmiatori in Banca Popolare di Vicenza pari a carta straccia" – sottolinea Nicola Di Bortolo, coordinatore friulano di CasaPound.
"La truffa  - continua il responsabile di CPI - ha toccato oltre alle famiglie e ai pensionati, anche molte categorie lavorative dimostrando nella maniera più tragica il fallimento del sistema bancario territoriale, che è bene ricordare nel caso della popolare di Vicenza è presente su tutto il territorio regionale con filiali anche in centri minori e può contare su oltre 12000 soci".

"Le famiglie sono quindi state tradite due volte: prima da coloro a cui avevano affidato i loro risparmi e poi da un governo che ha cinicamente scelto di abbandonarle a loro stesse, salvo poi, di fronte alla tragedia di Civitavecchia e alle proteste, avere un ripensamento in corner e varare quell'intervento ‘solidale’ quando non ha proprio potuto più farne a meno ”. 
“Ma non è della ‘solidarietà’ o dell'elemosina di un governo sceso in campo solo per salvare gli usurai che ha bisogno l’Italia. Rimettiamo il sistema bancario sotto il controllo dello Stato – conclude Di Bortolo - come proposto di CasaPound Italia. Economia reale Sì, obbligazioni e derivati No”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento