«Vogliamo casa e lavoro - profughi italiani»: la protesta in piazzale D'Annunzio

Il gruppo che occupava il "campo profughi per italiani" a Pavia di Udine verrà sfrattato a breve. La protesta degli ospiti e degli organizzatori stamane, alle 11, nello stesso luogo dove hanno manifestato e dormono diversi profughi. La solidarietà di un profugo afghano:«Hanno ragione, abbiamo tutti bisogno di aiuto»

La scorsa settimana in piazzale D’Annunzio c’era stato il grido d’allarme lanciato dai profughi, che chiedevano «cibo e un posto dove dormire». Oggi - verso le 11- hanno replicato gli italiani, sempre nel medesimo posto, esponendo una serie di cartelli. Sono gli stessi che hanno allestito il “campo profughi per italiani” a Pavia di Udine dal quale, a breve, dovranno andarsene, come ha confermato Stefano Salmè, uno degli organizzatori. «Fra un paio di giorni ce ne dovremo andare, le autorità ci diano una mano per trovare una casa e un lavoro a queste persone. L’altra settimana c’è stata la protesta dei profughi, e allora anche noi vogliamo casa, cibo  e lavoro come vogliono loro. Oltretutto ne abbiamo più diritto». La situazione viene manifestata come critica, e per Salmè non sarà lenita dal reddito di cittadinanza. « L’80% dei beneficiari saranno extracomunitari. Si pensa sempre e comunque a loro, senza considerare le nostre difficoltà. Nel campo ospitavamo tre persone stabilmente. Altri vengono a giorni alterni, tanti disoccupati friulani passano spesso, e cerchiamo di dare una mano per quello che riusciamo a fare». Sulla vicenda è intervenuto un altro degli organizzatori, Simone Mestroni - segretario provinciale di Forza Nuova -: «C’è chi sostiene che questa sia una buffonata, ma io dico - come ho fatto presente anche al sindaco Honsell - che è un’iniziativa sociale, che la sinistra non fa più, contrariamente a noi. Per il futuro del campo abbiamo già qualche disponibilità e speriamo di risolvere al meglio la cosa. Faccio un appello a Prefetto e Questore, per aprire un tavolo di concertazione sulla vicenda».

LA “SOLIDARIETÀ” DI UN PROFUGO AFGHANO. La scena è osservata anche dai profughi che stazionano lì ormai da giorni. Ne abbiamo avvicinato uno per sapere cosa ne pensasse. «Rispetto la loro protesta e sono d’accordo, tutti abbiamo bisogno di aiuto. Io sono qui nel parco, senza nulla, con una gamba dolorante. Vengo da una situazione di guerra drammatica, mio fratello e mio figlio sono stati uccisi. In Afghanistan la gente viene ammazzata come si fa con i polli. Quello che voglio? Ho bisogno di pace».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

profughi-5-6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la moglie dopo un diverbio, coltellata fatale

  • Elezioni comunali: Cividale, Ovaro e Varmo hanno i loro sindaci

  • Coronovirus: il contagio non molla e Udine è la città con più nuovi casi in regione

  • Si aggravano le condizioni di Gianpiero: "la malattia ha continuato il suo lavoro"

  • Studentessa universitaria trovata morta in casa

  • Udine Sud, apre un nuovo store di abbigliamento e accessori per la casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento