Coronavirus, la Croce Rossa Italiana avvia la produzione di mascherine

In collaborazione con i propri volontari e con il sostegno dei sindacati Cgil, Cisl e Uil di Udine e grazie al supporto di due aziende artigianali del territorio

Da domenica 22 marzo la Croce Rossa Italiana ha avviato la produzione di mascherine di tipo chirurgico grazie al lavoro dei propri volontari e alla collaborazione con i sindacati di Cgil, Cisl e Uil di Udine.

Il sostegno

La realizzazione delle mascherine è possibile anche grazie al supporto di un'azienda artigianale di Sedegliano, che ha messo a disposizione il proprio know how e le attrezzature, e grazie anche a un'altra azienda artigianali di Treppo che ha fornito gratuitamente il materiale per l'avvio della produzione.

I volontari

L'idea, nata dalla Croce Rossa Italiana con Cgil, Cisl e Uil, è quella di coinvolgere la società in un momento di particolare necessità, in cui i dispositivi di protezione sono contingentati in tutta Italia. L'iniziativa è rivolta a tutti i lavoratori in cassa integrazione, lavoratori esperti tessili, ai volontari della Croce Rossa e a qualsiasi altra persona che voglia contribuire gratuitamente all'iniziativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sede

Il piccolo laboratorio artigianale messo in piedi dalla Cri si trova in un ampio locale presso il proprio comitato di via Pastrengo a Udine. Qui, vengono confezionate le mascherine dai volontari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, una 28 enne finisce in terapia intensiva

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento