Cronaca Centro / Via Lovaria

La Procura della Repubblica dovrà "sloggiare" da via Lovaria

A marzo 2017 scade il contratto con il locatore, una società milanese in liquidazione. Il Procuratore De Nicolo: «Spero che possa essere un pretesto per ripensare globalmente al problema degli spazi della giustizia»

La Procura della Repubblica di Udine è sotto sfratto. Lo ha reso noto il Procuratore capo Antonio De Nicolo, spiegando che «il locatore, una società privata di Milano in liquidazione, ha comunicato che non intende prorogare il contratto alla sua scadenza del 31 marzo 2017». Niente più sede in via Lovaria quindi per la magistratura inquirente udinese. 

La Procura, che ora conta circa 140 unità di personale, tra magistrati, togati e onorari, impiegati amministrativi e ufficiali di polizia giudiziaria, dovrà dunque trovare un'altra collocazione. Il Procuratore ha già informato della questione tutti gli interlocutori istituzionali, rappresentando il problema in un tavolo tecnico alla Regione. «Spero che possa essere un pretesto per ripensare globalmente al problema degli spazi della giustizia», ha aggiunto, ricordando che attualmente in città gli uffici giudiziari sono dislocati in sette diverse sedi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Procura della Repubblica dovrà "sloggiare" da via Lovaria

UdineToday è in caricamento