menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
© Foto Fulvio Udine

© Foto Fulvio Udine

Scontrini fiscali fatti sparire, a giudizio l'inventore del Ceghedaccio

L'uomo è stato rinviato a giudizio dal Gup del tribunale di Udine Roberto Venditti. Alla base dell'accusa l'ipotesi di reato di occultamento o distruzione di documenti contabili

L’ideatore e organizzatore del Ceghedaccio di Udine, il 51 enne R.P., è stato rinviato oggi a giudizio per l'ipotesi di reato di occultamento o distruzione di documenti contabili.

Lo ha deciso il gup del tribunale di Udine Roberto Venditti, che ha stabilito l’udienza per il prossimo 19 marzo, come chiesto dal pm Panzeri. Secondo l'accusa, R.P - legale rappresentante della "Pregi srl" -, in occasione della serata del 19 ottobre 2012 avrebbe installato un misuratore fiscale a noleggio che, sebbene regolarmente utilizzato dal personale addetto alle casse, non memorizzava sul giornale di fondo gli scontrini emessi. Avrebbe anche nascosto o distrutto lo scontrino di chiusura giornaliera del misuratore, da conservare obbligatoriamente, rendendo così impossibile l'esatta ricostruzione delle somme incassate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento