rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca Trivignano Udinese

Inaugurato il Cippo della Pace

La cerimonia ha concluso la due giorni di Casa Savoia in Friuli

"In ricordo dei coraggiosi difensori nei combattimenti tra Italia e Austria-Ungheria; soldati, caduti come eroi di un tempo passato a noi sempre vicino”: questa la scritta incisa nel primo cippo di pace inaugurato dal principe Emanuele Filiberto a Trivignano Udinese, alla Vecchia Dogana, che segnava un tempo il vecchio confine fra Italia e Austria-Ungheria. Cerimonia partecipatissima, con esponenti delle istituzioni e blasonati accorsi per una foto ricordo e una parola da scambiare con il principe e il Gran Cancelliere Johannes Theo Niederhauser. 

LE DICHIARAZIONI. Con il sorriso sulle labbra Emanuele Filiberto, nel suo intervento, ha fatto riferimento alle accuse che spesso gli vengono mosse girando attraverso l'Italia: “Mi accusano di essere responsabile di tutto..., ma forse dovrebbero chiedersi che colpa posso avere io che sono del '72...Credo piuttosto che si dovrebbero testimoniare i valori di unità, solidarietà e pace che con queste iniziative cerchiamo di diffondere, perché se la Patria oggi è quella che è lo dobbiamo a questi soldati che sono morti credendo in questi valori identitari. L'Italia è un paese meraviglioso. Viva l'Italia!”. Il Principe ha poi espresso una critica a quei paesi che stanno cercando di uscire dall'Europa, perché l'Europa va difesa su fronti comuni in quanto i fondamenti europei sono universali. L'excursus storico è stato ripercorso dal sindaco di Trivignano, Roberto Fedele, e dal vicepresidente della Provincia di Udine, Franco Mattiussi che ha donato da parte del Presidente Pietro Fontanini il Libro dei Patriarchi al Principe e al Gran Cancelliere, mentre ha consegnato all'organizzatore della due giorni “Alpi Senza Confini”, Alessandro Berghinz, la medaglia di bronzo di Palazzo Belgrado. Commozione è stata espressa per questo nuovo obiettivo raggiunto, dopo il monumento a Mafalda di Savoia inaugurato alla vecchia dogana 7 anni fa, da Pio Serafini, il proprietario della struttura.

L'INVITO. Il 2018 vedrà il ritorno di Casa Savoia in Friuli: alla cerimonia la proprietaria di Villa Italia, a Torreano di Martignacco, Laura Gri Zanuttini, ha invitato il Principe nella residenza del Re Vittorio Emanuele III fra il 1915 e il 1917. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il Cippo della Pace

UdineToday è in caricamento