Cronaca

"Buon primo maggio!": e il pensiero va a sanitari, a chi ha perso la vita e chi il lavoro

«Il manifatturiero sia il perno del rilancio»: da Cervignano l'appello dei sindacati friulani. Furio Honsell, consigliere regionale di Open Fvg ricorda chi ha perso la vita

Una festa dedicata a tutti ma, quest'anno, a qualche categoria in particolare. «Buon Primo Maggio a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori!». Il saluto è di Furio Honsell, consigiere regionale di Open Sinistra Fvg, che rivolge un pensiero speciale ad alcune categorie. «Con la riconoscenza ai lavoratori della sanità e a coloro che ci hanno permesso di reggere nei lockdown garantendoci sempre gli approvvigionamenti. Con un ricordo a tutti i morti sul lavoro, che anche recentemente hanno insanguinato la nostra regione dimostrando che la strada da percorrere per un lavoro sicuro sia ancora lunga, ma il percorrerla è l'unica strada che possa dare un senso alla loro morte».

Operaio muore in cantiere, cadendo da 5 metri

«Con il pensiero rivolto a coloro che il lavoro l'hanno perduto e a coloro che subiscono i nuovi sfruttamenti. L'impegno per il diritto ad un lavoro che sia sicuro e dignitoso è il punto di partenza di qualsiasi politica civile, soprattutto in questi tempi di disorientamento», conclude Honsell.

Le manifestazioni

A causa delle restrizioni dovute all'emergenza sanitaria, per il secondo anno consecutivo le manifestazioni per il primo maggio sono state "castrate". a Cervignano, però, i sindacati si sono comunque ritrovati in piazza: il manifatturiero come perno delle politiche di rilancio dell’economia e dell’occupazione è stato il messaggio lanciato dai sindacati friulani nel giorno che vede il ritorno della Festa del Lavoro a Cervignano, sia pure in forma ridotta e contingentata, dopo lo stop del 2020. «Quest’anno – dichiara per Cgil, Cisl e Uil il segretario della Cgil Udine Natalino Giacomini – il Primo Maggio non può che essere celebrato sulle prospettive di superamento della pandemia. Per riuscirci serve uno sforzo comune che punti innanzitutto alla difesa e al rilancio del lavoro, anche in termini qualitativi. Rilancio che da un lato guardi ai settori più colpiti dalla pandemia e che tuttora ne risentono in modo più pesante, che devono continuare ad essere sostenuti, dall’altro punti sulla strategicità e la centralità di quel manifatturiero che rappresenta l’asse portante dell’economia friulana e regionale».

primo maggio-5

Buon Primo Maggio!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Buon primo maggio!": e il pensiero va a sanitari, a chi ha perso la vita e chi il lavoro

UdineToday è in caricamento