Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Volontari dell'accoglienza manifestano per cambiare il sistema, il prefetto cerca nuovi posti per i migranti

Nel pomeriggio di martedì la manifestazione davanti alla Prefettura. Si lavora per l'allestimento di nuove tendopoli

 

“Solidarietà nei confronti delle persone che sono attualmente chiuse nell'ex-caserma Cavarzerani di via Cividale e cambiamento di questo sistema disumano di gestione del fenomeno migratorio, fatto di muri, fili spinati, telecamere, polizia, esercito, violenze, torture, respingimenti e strutture concentrazionarie". Sono queste le tematiche sollevate dai volontari di Ospiti in Arrivo che, assieme a quelli di altre realtà che praticano l'accoglienza sul territorio, hanno manifestato di fronte alla Prefettura nella serata di martedì. Diverse le domande poste: perché non sono state aperte strutture ricettive separate per l'isolamento fiduciario dopo il decreto del 17 marzo, ormai più di quattro mesi fa, che impone l'isolamento a chi proviene dai Balcani? Perché si è deciso per la concentrazione di massa nella Cavarzerani? 

Le trattative

Nel frattempo la Prefettura è al lavoro per allestire due tendopoli dopo aver ricevuto la disponibilità di due privati, che metteranno a disposizione dei capannoni, in due comuni diversi. All’interno di uno di questi saranno montate una decina di tende da 8 posti, che in realtà saranno utilizzate da quattro persone soltanto per garantire il rispetto del distanziamento. In tutto dovrebbero ospitare un centinaio di persone.  Al momento in provincia di Udine le strutture individuate per la prima accoglienza sono soltanto tre: il seminario arcivescovile di Castellerio in comune di Pagnacco (che è stato definito zona rossa per la positività di un ospite e da dove sono fuggiti in più occasioni diversi profughi), la foresteria del castello di Tricesimo e la caserma Meloni di Tarvisio. E tutte e tre ieri avevano esaurito i posti. Anche oggi sono previsti nuovi contatti con altri sindaci nella speranza di individuare nuovi siti idonei a ospitare i profughi per il tempo necessario a trascorrere la quarantena. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento