menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due cavalli nel centro di Udine per la presentazione di un libro

"I Buoni e i Cattivi: lettera ad Adriano Ioan" di Irene Giurovich è stato illustrato in città. Molti i curiosi che hanno osservato l'arrivo dei due destrieri

“Come sarebbe piaciuto ad Adriano: l'arrivo a cavallo nella città che amava”: con questa scenografia inedita, scelta per tributare un omaggio speciale nel giorno del compleanno del candidato sindaco, è iniziata la presentazione del nuovo libro della giornalista Irene Giurovich arrivata in sella ad un cavallo e accompagnata dagli amici del Maneggio Casali Birri (San Nicolò di Manzano). Il corteo con due cavalli, partito da Largo Ospedale Vecchio, ha percorso piazza XX Settembre, via Nazario Sauro ed è arrivato davanti alla Libreria Moderna dove si è svolto l'evento. Udine era cent'anni almeno che non vedeva due cavalli liberi aggirarsi per le vie del centro storico. I cavalli sono rimasti in via Cavour fino alle 20 circa.

Nell'attesa dell'inizio, scorreva il video con le immagini dei cavalli e della natura , all'esterno della libreria, con le musiche del compositore Ludovico Einaudi e di Zucchero a richiamare i passanti.

A moderare la serata l'avvocato udinese Gianluca Visonà, segretario dell'Ordine degli avvocati di Udine, che firma anche l'introduzione del nuovo libro "I buoni e i cattivi. Lettera ad Adriano Ioan: il nostro dopo", edito dalla casa editrice Segno.

In apertura l'intervento della presidente del Club Unesco, Renata Capria D'Aronco, che ha patrocinato anche questo lavoro, come pure il primo libro: “La pubblicazione epistolare – ha dichiarato la presidente del Club – svela alcuni retroscena inerenti determinati fatti di natura politica che hanno visto protagonisti Adriano e Irene. Ciò in nome dell'esigenza di procedere in un percorso che si è aperto con 'A muso duro' e necessitava di una conclusione anche di verità per raccontare il non detto e il non esplicitato”. L'avvocato Visonà ha dato lettura della missiva fatta pervenire all'autrice da parte della presidente della Regione FVG, Debora Serracchiani, anche lei amante dei cavalli: “L'insolita e originale scenografia che vede protagonisti i cavalli, animali che pure io amo, conferisce all'evento una connotazione di festa e di libertà che ben può festeggiare il compleanno di Adriano Ioan, persona sinceramente libera”.

Poi, l'avvocato Visonà ha dialogato con l'autrice ponendole alcune domande sul testo: dal significato dell'amore che si vede, alla finalità del nuovo libro; dalla legge sulle unioni civili al ruolo dell'avvocatura udinese passando per il comportamento degli ex amici politici e i giudizi che non possono mai essere statici ma necessitano di una revisione costante sulla base degli atteggiamenti effettivi dimostrati nella realtà. A chiudere la presentazione la canzone di Zucchero Il suono della Domenica, quale ulteriore tributo ad Adriano Ioan.

L'autrice ha ringraziato la Polizia Municipale per la collaborazione all'evento e tutti gli sponsor scesi in campo accanto a lei: club Unesco, Music Team, Gangi, fioreria 'Da Marina', il team del Maneggio. Oltre un centinaio di persone, molte sono dovute restare fuori, hanno partecipato alla festa, fra gli altri l'assessore comunale Enrico Pizza, l'assessore provinciale Beppino Govetto, il consigliere regionale Paride Cargnelutti, la consigliera comunale Claudia Gallanda, molti colleghi del Malignani, il giornalista Daniele Damele, i rappresentanti del gruppo Semi di Speranza, gli amici dell'Adra Close Combat. Alla fine ognuno ha portato a casa, quale ricordo, un fiore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento