Prende la pensione sociale ma vive ai Caraibi, denunciato un 92enne

Un cittadino della Repubblica Dominicana è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Udine dalla Squadra Mobile. Dovrà restituire oltre 40mila euro

Percepiva quella che viene chiamata comunemente ancora "pensione sociale" (ora assegno sociale) dal 2008 senza averne diritto. Per questo motivo dovrà restituire all'Inps la cifra di 43.296 euro. 

La storia

Il protagonista della vicenda è un 92enne cittadino della Repubblica Dominicana. La posizione dell'uomo è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Udine dalla Squadra Mobile della Questura. In passato l'anziano ha ottenuto il ricongiungimento famigliare con la figlia in Italia e dal settembre del 2008 ha maturato il diritto a ricevere il contributo. Tuttavia, è stato dimostrato che l’uomo, dal 2013, ha soggiornato per lunghi periodi nella nazione di origine, venendo meno il presupposto previsto dall’Inps della stabile residenza. Dovrà così restituire il denaro ricevuto. 

L'assegno sociale

L'assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, dedicata ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge. Dal 1° gennaio 1996, l'assegno sociale ha sostituito la pensione sociale.

A chi è rivolto

E' rivolto ai cittadini italiani, agli stranieri comunitari iscritti all'anagrafe del comune di residenza e ai cittadini extracomunitari/rifugiati/titolari di protezione sussidiaria con permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

L'entità

L’importo dell’assegno è pari a 458 euro per 13 mensilità. Per il 2019 il limite di reddito è pari a 5.954 euro annui e 11.908 euro, se il soggetto è coniugato. Hanno diritto all'assegno in misura intera i soggetti non coniugati che non possiedono alcun reddito e i soggetti coniugati che hanno un reddito familiare inferiore al totale annuo dell'assegno. Hanno diritto all'assegno in misura ridotta i soggetti non coniugati che hanno un reddito inferiore all'importo annuo dell'assegno e i soggetti coniugati che hanno un reddito familiare compreso tra l'ammontare annuo dell'assegno e il doppio dell'importo annuo dell'assegno. L'assegno non è soggetto alle trattenute Irpef.

Decadenza

L'assegno viene sospeso se il titolare soggiorna all'estero per più di 30 giorni. Dopo un anno dalla sospensione, la prestazione è revocata. L'assegno sociale è provvisorio e il possesso dei requisiti di reddito e di effettiva residenza sono verificati ogni anno. Non è reversibile ai familiari superstiti ed è inesportabile, quindi non può essere erogato all'estero. Dopo un anno dalla sospensione, la prestazione viene revocata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Cambiamenti in vista: nuove Regioni verso la zona rossa e zone da "liberare"

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Acquisti fuori dal Comune di residenza: le precisazioni sugli spostamenti

Torna su
UdineToday è in caricamento