menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Debiti pagati, la "Anagenisi" leva le ancore da Porto Nogaro dopo 14 mesi

Il proprietario olandese della nave si è fatto carico dell'estinzione delle pendenze e ha organizzato la partenza verso Malta

La motonave battente bandiera panamense Anagenisi, da 14 mesi "bloccata" a Porto Nogaro in sosta inoperosa, ha mollato gli ormeggi. Il 19 giugno - si è saputo oggi - l'imbarcazione è partita a rimorchio verso i cantieri navali de La Valletta (Malta), dove verranno effettuati i lavori di riparazione finalizzati a consentirne nuovamente l'utilizzo a fini commerciali.

La nave, battente bandiera panamense, era giunta a Porto Nogaro ad aprile dello scorso anno, con a bordo 15 persone di equipaggio e due passeggeri di diversa nazionalità (russa, egiziana, greca) allo scopo di effettuare operazioni commerciali di carico e scarico merci, ma era diventata immediatamente destinataria di una serie di provvedimenti di sequestro conservativo, disposti dalla magistratura in virtù dei debiti contratti dall'armatore-noleggiatore, di nazionalità greca, nel corso di viaggi precedentemente effettuati dalla nave e rimasti insoluti.

L'armatore aveva fatto perdere le proprie tracce e abbandonato nave ed equipaggio al proprio destino, senza l'approvvigionamento di beni di prima necessità. L'equipaggio era stato rimpatriato a ottobre solo grazie a un difficile lavoro dell'Ufficio Circondariale marittimo di Porto Nogaro, dall'Agenzia marittima raccomandataria competente per quella nave e dalla Caritas, evitando che il caso si trasformasse in un'emergenza umanitaria. Risolto il contratto di noleggio con l'armatore greco, il proprietario olandese della nave si è fatto carico dell'estinzione dei debiti e ha organizzato la partenza verso Malta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento