Tenta due rapine in pochi giorni alla stazione delle corriere, arrestato il responsabile

L'uomo una decina di giorni fa si era scagliato contro un 38enne carnico, mentre ieri aveva aggredito un minore per rubargli smartphone e contanti

Il personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura di Udine ha arrestato nella giornata di ieri un 20 enne cittadino kosovaro per tentata rapina ai danni di un minore e deferito in stato di libertà, in concorso nel reato, un altro minore.

I fatti

L'allarme è scattato poco prima delle 12 alla Sala Operativa della Questura di Udine, con una segnalazione di un tentativo di rapina in autostazione ai danni di un giovane. A quel punto due Volanti si sono recate sul posto per comprendere cosa fosse accaduto: una volta al terminal, gli agenti sono stati avvicinati dalla persona offesa, un ragazzo 14enne in attesa del pullman per tornare a casa dopo la mattinata trascorsa a scuola, visibilmente scosso per quanto accaduto. Il personale della Polizia, grazie alle indicazioni del minore, è riuscito a bloccare due giovani ritenuti responsabili dei fatti che, alla vista degli uomini in divisa, avevano tentato la fuga. 

La denuncia

Grazie alla denuncia del ragazzo, avvenuta alla presenza dei genitori, ed analizzate le immagini del sistema di videosorveglianza dell’autostazione, gli agenti hanno confermato come responsabili dei fatti un 20enne kosovaro ed un 14enne italiano. I due avevano minacciato, strattonato e afferrato al collo il ragazzo con lo scopo di sottrargli  smartphone e soldi. Divincolarsi dalla presa del più grande la vittima era riuscita a scappare, trovando rifugio in biglietteria.

I precedenti

Il giovane, già noto agli operatori, era stato denunciato nella giornata di ieri  per un altro tentativo di rapina avvenuto nel medesimo posto ai danni di un 38enne carnico e, in un’altra occasione, per resistenza a pubblico ufficiale, dopo aver aggredito il responsabile della sicurezza della stessa autostazione cittadina solo per averlo invitato ad  indossare la mascherina nel rispetto della normativa anti covid19. Proprio in quell’occasione era emersa anche la sua posizione d’irregolarità sul territorio nazionale ed era stato munito di decreto di espulsione ed obbligo del Questore di allontanarsi dallo Stato.

L'arresto

Ieri, dopo l’arresto, lo straniero è stato condotto alla Casa circondariale di Udine mentre il complice minore, concorrente nel reato, è stato deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria competente. In data odierna, in sede di convalida dell’arresto, il gip ha disposto per lo straniero la misura cautelare del divieto di dimora in Udine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento