Cybercop: 200 poliziotti si aggiornano sul trattamento delle “prove digitali”

Tra i temi affrontati c'è l’elaborazione dei tabulati telefonici, sia per utenza che per cella, e l'apprendimento delle tecniche Osint

Si è svolto stamani nell’auditorium “Comelli” del Palazzo della Regione Fvg di Udine, alla presenza del Procuratore Capo di Udine Antonio De Nicolo e del Questore di Udine Claudio Cracovia, il seminario tematico “Cybercop – La traccia digitale”, organizzato dal Sindacato Autonomo di Polizia di Udine in partnership con l’Aisflab, giovane ma rodata associazione di esperti delle tecniche d’indagine del mondo digitale che dal padovano tengono seminari ormai in tutta Italia. Il moderatore Francesco Licchetta e i relatori Simone Bonifazi e Andrea Cumini dell’Aisflab, associazione culturale senza scopo di lucro, che svolge attività di studio, formazione, prevenzione e intervento investigativo, hanno poi condiviso con i presenti le proprie conoscenze, trattando in maniera pratica la materia delle investigazioni digitali, al fine di raggiungere un livello professionale di base, focalizzato soprattutto sulla corretta terminologia e l’uso di software specifici.  

I relatori

Hanno collaborato alla realizzazione dell’evento anche la Procura della Repubblica di Udine, la Regione Autonoma Fvg ed il Corpo Forestale Regionale. Grande contributo è stato dato, quale relatore d’eccezione, dal sostituto procuratore Andrea Gondolo e da una sua valente collaboratrice, su specifiche procedure di messa in sicurezza dei reperti nelle indagini telematiche e informatiche, utili alla cristallizzazione della prova da utilizzarsi in dibattimento.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il convegno

Il seminario, riservato agli appartenenti delle forze dell’ordine - erano presenti oltre 200 appartenenti ai vari corpi di polizia civili e militari - ha avuto quale obiettivo il consolidamento degli strumenti necessari alla polizia giudiziaria per il trattamento delle “prove digitali”, con particolare attenzione all’elaborazione dei tabulati telefonici, sia per utenza che per cella, al profilo dell'utilizzatore ed alle tecniche Osint, efficace strumento di ausilio alle indagini. Le attività che sono state trattate sono: la Digital Forensics, Mobile Forensic, Mobile Investigation, Relazioni Sociali, Osint Social Network , Osint Motori di Ricerca, Osint Analisi Foto. Visto il successo dell’iniziativa e l’interesse che ha suscitato tra gli operatori del settore, il Sindacato autonomo di polizia intende proporre in futuro iniziative simili su tematiche d’interesse che sono state segnalate dai numerosi fruitori del seminario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento