Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Ospedale Udine: strumentazione d’avanguardia e spazi incrementati per le sale endoscopiche della Pneumologia

Le nuove sale sono state allestite con una strumentazione integrata, che permette di eseguire tutti gli accertamenti più moderni nel campo della pneumologia interventistica

Rinnovo strumentale ed architetturale per le sale endoscopiche della Pneumologia di Udine, struttura diretta dal dottor Vincenzo Patruno: i pazienti afferenti alla struttura verranno valutati e trattati con apparecchiature d’avanguardia all’interno di spazi moderni ed accoglienti. L’obiettivo del progetto è stato quello di garantire la presenza della più moderna tecnologia dedicata alla Pneumologia Interventistica presso il nosocomio udinese. L’intervento è stato realizzato in tempi estremamente rapidi; dopo valutazione dei fabbisogni dell’unità operativa ed alla luce delle più recenti scoperte scientifiche, sono state stanziate le risorse che in pochi mesi hanno portato ad acquistare le strumentazioni ed allestire i nuovi spazi.

Il restyling architetturale è stato portato a termine in un’unica settimana, per non dilazionare l’assistenza ai malati seguiti dalla Pneumologia stessa, molti dei quali affetti da tumore del polmone, prima causa di morte per neoplasia nei paesi industrializzati. Le nuove sale sono state allestite con una strumentazione integrata, che permette di eseguire tutti gli accertamenti più moderni nel campo della pneumologia interventistica. Una maggiore precisione di intervento è in particolare concessa dagli strumenti supersottili e dall’altissima definizione delle immagini acquisite, i quali permettono di raggiungere noduli polmonari di piccolissime dimensioni, con visione delle strutture anatomiche in tecnologia 4K. “La nostra pneumologia interventistica è già un punto di riferimento regionale – afferma il dottor Patruno - ma con questo importante aggiornamento logistico e strumentale possiamo letteralmente ambire a ridefinire nuovi confini in termini dì accuratezza diagnostica e precisione terapeutica”.

La Struttura Operativa Complessa di Pneumologia dell’ospedale di Udine si distingue da anni per l’eccellenza nelle procedure endoscopiche sia diagnostiche che terapeutiche dell’apparato respiratorio (videobroncoscopia flessibile, ecovideobroncoscopia, laserterapia endobronchiale, broncoscopia rigida e protesizzazione, toracoscopia e gestione della patologia pleurica, biopsie percutanee ecoguidate) e consta di dodici dirigenti medici che svolgono attività assistenziale ambulatoriale, di degenza (ordinaria e semintensiva) e di consulenza per l’Ospedale di Udine e gli Ospedali di rete dell’Asufc.

Viene inoltre eseguita attività didattica e di ricerca clinica, ospitando medici specializzandi nel corso della loro formazione, svolgendo attività di docenza al Corso di Laurea in Medicina, e corsi di Pneumologia Interventistica per specialisti. Il team di endoscopia toracica, costituito dai medici Salvatore Di Stefano, Alberto Fantin, Giuseppe Morana e Paolo Vailati effettua più di 1.000 procedure all’anno, mantenendo un alto standard di qualità degli interventi. L’attività diagnostica di alta precisione permette di ottenere campioni di tessuto (citoistologici) o microbiologici atti a garantire in tempi rapidi terapie mirate e personalizzate, e di conseguenza più efficaci per i pazienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Udine: strumentazione d’avanguardia e spazi incrementati per le sale endoscopiche della Pneumologia

UdineToday è in caricamento