menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il piromane dei cassonetti colpisce ancora. In fiamme un cassonetto in via Cicogna

Ennesimo episodio, in pieno centro a Udine, attribuibile all'uomo che da inizio anno ha incendiato 53 cassonetti e un'automobile. Che abbia lanciato il guanto di sfida al sindaco Honsell e alle forze dell'ordine? Intanto il danno stimato alle casse della comunità si aggira intorno ai 20mila euro

Quello che inizialmente, pochi mesi fa, sembrava solo il frutto di qualche bravata, con il passare del tempo sta diventando un vero e proprio pericolo pubblico, sociale ed economico. Anche ieri notte, poco dopo le 22 in via Cicogna, una parallela di via Gemona, un altro cassonetto dell’immondizia è andato a fuoco. Le fiamme e l’odore acre sono stati subiti avvertiti dagli abitanti della zona che hanno chiamato l’immediato intervento dei Vigili del Fuoco. Fortunatamente ha preso fuoco solo l’interno di un contenitore, quello dell’immondizia indifferenziata, e le fiamme non si sono propagate agli altri cassonetti al suo fianco. Sul posto pochi minuti dopo è arrivata un’autopompa dei pompieri che ha provveduto a spegnere il principio d’incendio.

Solo sette giorni fa l’assessore Enrico Pizza sulle pagine di un quotidiano locale aveva lanciato un appello alla cittadinanza ad avvisare le forze dell’ordine se in possesso di elementi utili all’individuazione del-i responsabile-i. Il gesto di oggi, quindi, potrebbe essere una ‘risposta’ all’invito dell’assessore Pizza a collaborare con le forze dell’ordine per la sua cattura, e una sorta di ‘sfida’ alle dichiarazioni del sindaco Furio Honsell che sempre qualche giorno fa aveva asserito: “Questo signore è al centro dell’attenzione di molte persone. D’ora in poi non potrà più agire indisturbato”.

Da inizio anno, con quello di stanotte, il piromane ha incendiato 53 cassonetti e un’automobile. In Procura da giorni è stato aperto un fascicolo a carico di ignoti con l’ipotesi di reato di incendio e, non appena si riuscirà a dare un’identità al piromane, gli verrà presentata anche una richiesta di risarcimento di non poco conto. Un cassonetto infatti costa dai 300 ai 400 euro. Il danno complessivo, quindi, provocato alle casse dell’intera collettività, si aggira già a 20mila euro.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento