Consegnate in Comune a Udine le firme per togliere dalle aule i seggi elettorali

Alcuni Comuni del Friuli Venezia Giulia si sono attrezzati per spostare le sedi elettorali in vista del Referendum del 20 settembre, ma non a Udine

La petizione promossa dall'opposizione in consiglio comunale, che chiede di non chiudere le scuole cittadine per l'apertura dei seggi elettorali, è stata consegnata al Comune di Udine con circa 240 firme, raccolte on-line, in meno di 3 giorni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il testo

Non si chiudano le scuole per aprire i seggi elettorali. Domenica 20 e lunedì 21 settembre si voterà per il Referendum Confermativo Costituzionale sul taglio dei Parlamentari. Nel 2020 le scuole sono state chiuse per diversi mesi, a causa dell’emergenza sanitaria COVID 19, e solo il 14 settembre finalmente riapriranno. Alcuni Sindaci, in varie parti d’Italia, hanno deciso di convocare i seggi elettorali in sedi diverse dalle aule scolastiche. Se infatti i seggi elettorali saranno, come di consueto, dentro le aule, le lezioni si interromperanno di nuovo per almeno 4 giorni, a pochissimi giorni dalla riapertura. Chiediamo quindi che, anche a Udine, per i seggi elettorali, si trovino sedi diverse dalle aule scolastiche, come, solo per fare qualche esempio:
- palestre (di cui quasi tutte le scuole dispongono);
- Centri Sportivi (come il Palaindor, il Palazzetto Manlio Benedetti o la Palestra
Mario Vecchiato);
- sale teatrali o destinate a convegni come Sala Ajace, l’auditorium Menossi,
l’auditorium Bellavitis, l’auditorium Zanon;
- edifici comunali, come le sedi circoscrizionali.
Per altro, gran parte delle sedi sopra indicate, sono molto più ampie delle aule scolastiche e quindi più sicure anche dal punto di vista sanitario per i protocolli COVID e consentirebbero di accorpare qualche seggio riducendone il numero complessivo in città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

  • Tre nuovi decessi da Covid19 in FVG: si tratta di due 78enni e un 59enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento