Si "buca" il colle del castello, per gli ascensori e per la leggenda di Attila

Specialisti al lavoro in questi giorni. Le ispezioni arrivano fino a 40 metri di profondità

Iniziati lunedì i sondaggi geognostici sul castello di Udine per la costruzione degli ascensori. Le, indagini effettuate con delle perforazioni, serviranno anche ad acquisire informazioni archeologiche e a capire come è fatto il colle. Si tratta di un rilievo naturale o fatto dall’uomo? C’è un fondo di verità nelle leggende della sua realizzazione da parte dei soldati di Attila? Specialisti al lavoro per dare risposte a tanti quesiti scientifici e leggendari su uno dei simboli della città. Nella giornata di oggi le perforazioni arriveranno a 40 metri di profondità. Secondo quanto fatto sapere dall'equipe scentifica ci sono ben sette metri di resti atropici delle passate attività umane sul colle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e spostamenti verso i congiunti fuori regione: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il Fvg è arancione: ecco tutte le regole in vigore da domenica 17

  • Verso la zona arancione: cosa cambia in Friuli Venezia Giulia e da quando

  • La "nuova era" finisce presto, stop alla produzione della birra friulana Dormisch

  • Coronavirus in Fvg, 20 vittime e 739 ricoveri: numeri drammatici

  • La puntata di 4 Ristoranti girata in Carnia visibile in chiaro

Torna su
UdineToday è in caricamento