menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parapendista impigliato su un albero in Carnia

All'opera gli uomini del Cnsas di Forni Avoltri per soccorrere l'uomo

È stato laborioso il recupero del parapendista caduto nei boschi sopra Forni Avoltri questa mattina intorno alle otto. Dieci gli uomini impegnati tra Cnsas di Forni e Guardia di Finanza di Tolmezzo, oltre all'elicottero della centrale operativa di Udine. Quest'ultimo, verificate le buone condizioni del parapendista, ha sbarcato con un paio di rotazioni e un rifornimento di carburante i tecnici nel bosco ed è rientrato alla base per altri interventi. L'operazione è stata delicata perché essendo la vela ancorata precariamente ai rami, si correva il rischio di smuoverla, facendo precipitare il ragazzo o quello di sollevarla facendola finire nelle pale del velivolo, con grande rischio per lo stesso.

Il giovane, un ventottenne di Roma  che lavora in paese, era partito dal Monte Chiadin in localita Pierabech (comune Forni Avoltri) e poco dopo ha avuto l'incidente. Si trovava sospeso a circa venti metri da terra, su una pianta di faggio dotata di pochi ed esili rami. Operazione delicata dunque anche quella della risalita della pianta da parte dei tecnici e della successiva calata con l'aiuto delle corde. Infine il rientro è stato compiuto in circa un'ora nel bosco, su terreno privo di sentiero. Il ragazzo aveva con sé un cellulare ma aveva avvertito soltanto gli amici, non avendo compreso la gravità della situazione. L'allarme è infatti stato lanciato da alcuni abitanti di Forni, incluso un tecnico Cnsas del luogo, che l'hanno visto andar giù.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento