menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Viale Leopardi (immagine d'archivio)

Viale Leopardi (immagine d'archivio)

Consigliere comunale della Lega aggredito in stazione nel corso di una rissa

Paolo Foramitti, esponente del Carroccio, è stato vittima di un pugno allo sterno. Un uomo lo ha colpito senza motivo in viale Leopardi

Il consigliere comunale della Lega Paolo Foramitti è stato aggredito in zona stazione delle corriere. «Stavo rientrando a casa, proprio in via Leopardi – ci racconta –, e ho notato una situazione animata all'altezza del Pullman Bar, non nel locale. Due o tre persone si stavano spingendo, altre cinque o sei osservavano la scena. Non è di certo una novità, perché il clima è teso da almeno quattro o cinque anni, ma in questo caso non mi sembrava che la cosa potesse degenerare. Passando a una decina di metri dal luogo dell’episodio uno dei protagonisti si è staccato dal gruppo e mi ha colpito, senza nessun motivo. Poi ho cercato di evitare, riuscendoci, altri colpi e mi sono allontanato. Sono stati chiamati i soccorsi e l’uomo che mi ha aggredito è stato arrestato dai carabinieri». Foramitti è poi dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia (dove si trovava quando lo abbiamo raggiunto al telefono).

I dissidi nella maggioranza

Paolo Foramitti

Schermata 2020-07-01 alle 15.08.29-2

Fontanini

«Nell’esprimere la vicinanza mia e di tutta l’Amministrazione al consigliere Foramitti – ha commentato il sindaco Pietro Fontanini – voglio lanciare un messaggio chiaro a tutti i titolari di locali pubblici e clienti della zona di Borgo Stazione: la nostra battaglia contro la criminalità e il degrado di questo quartiere continuerà con sempre maggiore forza fino a quando non verrà nuovamente ristabilita quella tranquillità alla quale le persone per bene che ci vivono hanno diritto. Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione affinché la musica cambi, fino a quando non entrerà a tutti in testa il concetto che le regole si rispettano e che il quartiere delle Magnolie non ha alcuna intenzione di diventare il Bronx della città».

Ciani

Sull’episodio è intervenuto anche l’Assessore alla sicurezza Alessandro Ciani. «Sono episodi che fanno male e allo stesso tempo rabbia”, ha commentato. “Fortunatamente il nostro consigliere ha saputo difendersi e mantenere la freddezza per seguire l’individuo e chiamare le Forze dell’Ordine, ma non è detto che chiunque avrebbe avuto la stessa prontezza di spirito. Oggi, grazie all’incremento dell’organico della Polizia Locale, alla collaborazione sempre fattiva con le Forze dell’ordine e all’implementazione del sistema di videosorveglianza, ancora ritenuto inutile da alcuni, abbiamo alcuni importanti strumenti in più nella sfida, ormai diventata storica per la città di Udine, di riportare questo bel quartiere alla sua vocazione residenziale e centrale. Siamo consapevoli che non esistono bacchette magiche per risolvere anni di abbandono ma siamo determinati a fare quanto in nostro potere per risolvere una volta per tutte questa difficile situazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento