menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Edilizia a consumo zero: Palmanova "think tank" dell'innovazione

La città stellata proposta come sede di un convegno internazionale sull'innovazione in edilizia. Nell'ex caserma Ederle la fucina delle start-up di settore

Palmanova si candida a diventare "think tank" dell'innovazione nel campo dell'edilizia, con la proposta di ospitare un convegno annuale internazionale sui temi della rigenerazione urbana, delle smart cities e dei processi di innovazione urbanistica ed edile. L'idea è emersa oggi nel corso del seminario formativo che si è svolto nella città stellata ed intitolato "Edifici da vivere" promosso da ANCE Friuli Venezia Giulia e ANCE Veneto con  gli ordini provinciali degli ingegneri, architetti, periti e geometri delle due regioni.

Una proposta che il Comune ha avanzato non solo per il legame intrinseco tra Palmanova e la progettazione urbanistica ed architettonica, insita nell'origine stessa della città rinascimentale fondata dai veneziani, ma per un'esigenza attuale di recupero e riconversione dell'ex area militare della Caserma Ederle, oggetto di un bando di riqualificazione aperto a progettazioni innovative. Nello scorso mese di maggio Ance e Comune di Palmanova avevano condiviso la strategia di riqualificazione dell'ex caserma Ederle, un'area militare di circa 42 mila metri quadrati passata di proprietà al Comune di Palmanova, individuando in essa il progetto pilota per rilanciare l'economia del settore edile a partire dalla rigenerazione del patrimonio pubblico.

Proprio nella caserma Ederle potrebbero così trovare spazio le start-up del settore edile nate dal confronto tra grandi protagonisti dell'innovazione del settore a livello mondiale, che riuniti a Palmanova darebbero vita al "think tank" dell'edilizia, soprattutto nel settore dello sviluppo di edifici sostenibili, di qualità, non solo tendenti al consumo zero, ma addirittura capaci di generare energia. "Lo sviluppo basato sul consumo zero del territorio, ovvero partendo dalla riqualificazione dei beni immobili esistenti, è la chiave di volta su cui si gioca l'inversione di tendenza della crisi economica" ha affermato Valerio Pontarolo, Presidente dell'Ance Fvg "che nel caso di Palmanova potrebbe addirittura diventare lo spin-off di nuove tendenze in campo urbanistico, dalle smart cities alla rigenerazione dei materiali"

"Mettere al centro le persone e non le tecnologie è la sfida del futuro – conferma il Sindaco di Palmanova Francesco Martines – e anche nel settore dell'edilizia si stanno sperimentando innovazioni importanti per coniugare il benessere dell'ambiente con quello di chi ci abita o ci lavora. Anche nel governare le città è necessario un nuovo approccio al benessere del cittadino. Credo che non sia un caso se Palmanova è risultata recentemente la città più felice del Friuli Venezia Giulia e una delle prime 50 in Italia per BIL, ovvero benessere interno lordo, secondo una classifica del Sole 24 ore". Quanto all'ex caserma Ederle, l'intento dell'amministrazione comunale è quello di dare a questa centralissima zona un ruolo propulsivo nel rilancio dell'economia di Palmanova quale città turistica, culturale, di servizi e commerciale. L'intervento di valorizzazione dovrà quindi favorire l'insediamento di attività ricettiva, convegnistica, enogastronomica, iniziative commerciali specializzate, prevedendo l'inserimento di servizi e, in minima parte, di edifici residenziali. Nelle prossime settimane il Comune e l'Ance si faranno promotori di questa nuova iniziativa internazionale, avviando i primi contatti per la ricerca delle partnership, anche private, interessate a sviluppare i nuovi temi dell'edilizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento