menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente certificazioni, PalaCarnera inagibile per spettacoli e concerti: Flashdance a Cividale

Clamoroso. L'attesissimo musical è stato spostato al Palazzetto della città ducale a soli tre giorni dallo spettacolo. La struttura di via Candonio sarà molto probabilmente destinata ai soli eventi sportivi. Non finiscono le grane per il palazzetto da poco restaurato

"A causa di sopraggiunti problemi tecnici e logistici che interessano a oggi il Palasport Carnera, il Musical Flashdance, che vedeva due distinte repliche in programma nelle giornate di martedì 13 e mercoledì 14 novembre, viene spostato al Palazzetto dello Sport di Cividale del Friuli per una replica unica in programma mercoledì 14 novembre". Con questa dichiarazione, Zenit srl, la società organizzatrice dell'evento, ha annunciato al pubblico che ha acquistato il biglietto o che è interessato alla visione dello spettacolo l'inevitabile trasferimento della sede dell'attesissimo show.

La motivazione

La scelta dello spostamento, presa ovviamente a malincuore assumendosi tutti i rischi d'impresa e gli oneri aggiuntivi, è dovuta alla mancanza di una certificazione che garantisca la tenuta del parquet presente nel "rinnovato" Palasport in caso dell'allestimento di un palco e della presenza di pubblico. Parquet che - a quanto ci risulta - è stato posizionato sopra un impianto di riscaldamento a pavimento senza certificare - anche ai fini assicurativi - la quantità di sollecitazioni che la superficie riesce a sopportare. «Ad oggi - ha confermato all’organizzatore l'ufficio del Comune di Udine nonostante la fine dei lavori e la riconsegna avvenuta dell’impianto, al Palasport Carnera mancano tutte le adeguate certificazioni. La scrivente amministrazione non è in possesso di calcoli, esiti di test o altri dati ritenuti utili ai fini di una verifica preventiva della capacità del pavimento di resistere ai carichi derivanti dal posizionamento sullo stesso delle strutture necessarie per lo svolgimento dello spettacolo»

La decisione

Alla luce di questa situazione, non presentandosi le necessarie tutele, e ricadendo la responsabilità di eventuali danni a cose e persone solo ed esclusivamente sull’organizzatore Zenit srl, la stessa ha dovuto giocoforza optare per lo spostamento dell’evento in una nuova location. «Lo abbiamo fatto per non perdere uno spettacolo che il pubblico del Friuli Venezia Giulia attende da mesi - precisano gli organizzatori-, sapendo di dover affrontare una serie di complicazioni, di disagi per il pubblico e dei costi derivanti da uno spostamento di uno spettacolo di questo livello a 3 giorni dalle date in programma». «Avevamo fatto regolare domanda per il live di Udine ai preposti uffici comunali in data 2 luglio 2018 - proseguono i referenti di Zenit - ma, nonostante l’interesse e l’impegno dimostrati dagli assessori Fabrizio Cigolot, Maurizio Franz e Paolo Pizzocaro per sopperire alle certificazioni mancanti, a pochi giorni dallo spettacolo ci siamo trovati a mani vuote».

Palazzetto destinato a soli eventi sportivi

La curiosità: il Palasport Carnera era stato incluso fra gli impianti e le strutture che il Comune di Udine aveva messo a disposizione nel bando della “Convenzione per la programmazione di concerti e spettacoli presso gli spazi cittadini per il triennio 2017/2019”, stipulata il 31 marzo 2017 fral'amministrazione e la società aggiudicatrice, ovvero Zenit srl. Fra gli spazi che figuravano disponibili (oltre al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, Piazza Primo Maggio, il Castello di Udine, e lo Stadio Friuli) figurava per l'appunto anche il Carnera da poco restaurato. Ciò significa che lo stesso palazzetto è stato promesso al vincitore della gara senza che venissero svolte le dovute verifiche e prove tecniche, né senza acquisire le necessarie autorizzazioni indispensabili per lo svolgimento di grandi eventi che non siano di carattere sportivo. «Purtroppo questa situazione ci porta a dire che al Palasport Carnera non potranno essere programmati da qui in avanti concerti musicali, grandi spettacoli, e quelle tipologie di eventi che da sempre hanno trovato spazio nel palazzetto cittadino - puntualizzano i referenti di Zenit - e che sarà utilizzato solamente per le attività sportive». 

Biglietti ed eventuali rimborsi

Per i biglietti già acquistati verrà garantito il riposizionamento nella nuova location con il mantenimento del medesimo settore. I biglietti per la nuova data saranno in vendita sul circuito Ticketone a partire dalle 12.00 di lunedì 12 novembre. Chi fosse impossibilitato a partecipare allo spettacolo nella nuova sede, potrà fare richiesta di rimborso a partire dal giorno 15 novembre ed entro e non oltre il giorno 30 novembre, nel punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto, consegnando i biglietti in originale. Nel caso di acquisti effettuati sul sito TicketOne.it o tramite call center, il customer service invierà una e-mail ai clienti contenente tutti i dettagli. Eventuali informazioni possono essere richieste all’indirizzo ecomm.customerservice@ticketone.it o al numero 892.101. Tutte le info su www.azalea.it.

Nuovi lavori al palasport "Carnera": «Pozzo senza fondo» per Michelini 

Un palasport nuovo sarebbe costato meno? «Pizzocaro produca dati reali, non ipotesi»

Restituito alla città il "nuovo" PalaCarnera da 3.509 spettatori 

Carnera: gestione al Comune prima del bando di gara 

Palasport Carnera, ripartono finalmente i lavori di ristrutturazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus FVG, 208 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento