menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La facciata del palazzo su piazza Garibaldi dove sorge anche l'osteria Ai Barnabiti

La facciata del palazzo su piazza Garibaldi dove sorge anche l'osteria Ai Barnabiti

Piazza Garibaldi cambia volto, al via la ristrutturazione del palazzo dei Barnabiti

In questi giorni di ripartenza sono in tanti ad aver notato con paura le serrande abbassate di una delle osterie storiche di Udine, momentaneamente chiusa per lavori e non a causa del lockdown come molti avevano ipotizzato

Le serrande abbassate, i cartelli tolti, la tenda levata. In piazza Garibaldi, angolo tra via Cussignacco e via Crispi, il grande palazzo che ospita a livello della strada la storica osteria Ai Barnabiti è pronto per essere rimesso a nuovo: si tratta di un'operazione edile in programma da tempo, che restituirà a Udine un angolo completamente nuovo che cambierà volto a una delle piazze centrali della città. Nei giorni scorsi sono stati diversi gli udinesi a interrogarsi se la chiusura dell'osteria fosse dovuta al lockdown, ma a fugare ogni dubbio ci pensa Loris Piccini, titolare del locale da 18 anni e proprietario dei muri da gennaio 2018.

«Il progetto di ristrutturazione era in programma da due anni e sapevamo che i lavori sarebbero iniziati a giugno: quello che non ci aspettavamo erano i mesi di chiusura per il Covid, ma l'aver momentaneamente abbassato ora le serrande non c'entra nulla con la pandemia, è un'operazione decisa da tempo e che renderà quest'angolo di Udine ancora più bello», ci racconta Loris. 

I lavori

Piccini nel 2018 ha acquistato i muri del locale al piano terra, mentre i tre piani sopra sono stati acquisiti da un'impresa edile: le due parti si sono accordate per ristrutturare tutta la palazzina e, dopo due anni di burocrazia, esecuzione di disegni e progetti, dal primo giugno il locale  stato chiuso e i lavori sono cominciati.

«Anche l'osteria sarà toccata dalla ristrutturazione, ma solo con qualche modifica: l'interno sarà praticamente come prima, con qualche miglioria e il suo stile che ormai gli udinesi hanno imparato a riconoscere a amare. Il locale sarà chiuso fino a settembre, quando sarà tolta l'armatura esterna e i lavori continueranno solo ai piani superiori». Dopo gli oltre due mesi di chiusura per il lockdown, si fa fatica a pensare ad altre lunghe settimane senza poter lavorare, ma l'ottimismo prevale

lavori interni-2

Una nuova immagine per Udine

«In questi tre mesi seguirò i lavori e le modifiche del locale, nel frattempo niente vacanza... Covid o non covid il progetto era quello, le ragazze sono in cassa integrazione e quindi si parte. In realtà, nonostante un po' di sofferenza, in realtà sono molto contento di poter dar vita a questo progetto: tre mesi e mezzo di chiusura non sono pochi ma la palazzina andava messa a posto. Chiederemo spazio sulla strada perché verrà un cantiere importante. Per ora sono iniziati i lavori di demolizione interna ma io me lo vedo già finito e sono molto contento, devo avere solo pazienza». All'interno sono stati tolti tutti gli arredi del locale, mentre ai piani superiori, dove sono previsti tre appartamenti, sono iniziate le demolizioni interne. A lavori ultimati ci saranno infissi e impianti nuovi e una facciata totalmente ristrutturata, che darà nuovo volto a piazza Garibaldi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento