Mazzette all'Ospedale, inchiesta chiusa con quattro patteggiamenti

Chiuse le posizioni di tutti i medici coinvolti nel procedimento e quelle di due dei responsabili delle società che si occpuano di protesi acustiche. L'ultimo amministratore a giudizio in aprile

Si è chiuso ieri con quattro patteggiamenti e un rinvio a giudizio, l'ultimo troncone dell'inchiesta sulle ''mazzette'' per le protesi acustiche all'Ospedale di Latisana (Udine). Già archiviate le posizioni di alcuni degli originali indagati e già concordato un patteggiamento in sede d'indagine per il medico Francesco Tripaldi e il tecnico audioprotesico Beppino Garbino, ieri è stata la volta del terzo medico coinvolto nello scandalo e dei due responsabili di altrettante ditte operanti nel settore delle protesi acustiche.

L'otorino Antonio Isaia, 61 anni, di Latisana, ha patteggiato una pena a un anno e cinque mesi - sospesa - dopo aver versato 15 mila euro all'Azienda per i servizi sanitari, 5 per i danni patrimoniali e d'immagine subiti. Roberto Pontoni (55) di Staranzano (Gorizia), legale rappresentante dell'Istituto acustico Pontoni di Monfalcone (Gorizia), ha concordato una pena a 1 un anno e due mesi, sospesa. Hanno patteggiato 18.200 euro complessivi, equivalenti a 70 quote del valore di 260 euro l'una, le due società, l'Istituto Pontoni e la Medical Audio di Padova, coinvolte nella vicenda in base alle norme sulla responsabilità oggettiva degli enti per i reati di corruzione e comparaggio contestati alle persone fisiche. L'amministratore dell'ultima società, Andrea Luigi Bertolini (45), di Padova, è stato invece rinviato a giudizio per il 30 aprile prossimo. L'Ass 5 ha ricevuto altri 20 mila euro per i danni, 5.000 da ciascuna società, da Pontoni e Bertolini.

(ANSA).

Potrebbe interessarti

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Cantinetta del vino in casa, quale scegliere

  • Viaggio in auto: come combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento