Cronaca

Vigili notturni e polizia in spiaggia a Lignano contro gli assembramenti

Dopo la prima riunione del 10 maggio scorso, il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica della Prefettura di Udine si è nuovamente riunito a Lignano Sabbiadoro

Ieri si è svolto l'incontro del Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza a Lignano: un incontro che si è reso necessario dopo che la situazione sugli arenili della città turistica sono stati presi d'assalto soprattutto nelle ore notturne dai villeggianti desiderosi di divertirsi. In sintesi, le spiagge saranno attenzionate non solo dalle forze dell'ordine, ma anche dagli agenti della vigilanza privata.

Stop assembramenti e alcol per strada a Lignano

L’incontro è stato finalizzato ad un primo monitoraggio delle azioni intraprese a seguito del precedente e per verificare la possibilità di ulteriori momenti di collaborazione tra Forze di polizia e Associazioni di categoria del settore affinché la stagione balneare sia goduta da residenti e villeggianti con tranquillità e sicurezza, secondo la tradizione che da sempre la contraddistingue la località turistica friulana. La riunione, presieduta dal Viceprefetto Vicario Enrico Roccatagliata, alla presenza del sindaco Luca Fanotto, dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Capitaneria di Porto di Grado, della Polizia Locale lignanese e con la partecipazione dei referenti delle categorie economiche locali più direttamente interessate, è servita a ribadire l'attenzione delle Forze di polizia, statali e locali, verso le tematiche che connotano una località turistica che d’estate arriva a superare le 200.000 presenze giornaliere.

È stato anche un momento per evidenziare come grazie alla sinergia tra risorse pubbliche e private e mettendo, con responsabilità, a fattor comune le conoscenze e le iniziative che potranno essere avviate, si pongano in essere le condizioni per una vigorosa ripresa delle attività economiche legate al turismo balneare salvaguardando nel contempo le esigenze legate al particolare contesto epidemiologico, esigenze che devono indurre alla massima attenzione e a rispettare le norme di comportamento dettate per ridurre al minimo i rischi di una recrudescenza dei contagi da Covid-19.

In particolare, è stata ricordata la possibilità per i pubblici esercizi in genere, e, in particolare, per i gestori delle spiagge date in concessione, di attingere a contributi regionali previsti per finanziare progetti di sicurezza sussidiaria, utili ad implementare il dispositivo di sicurezza già previsto e assicurato dalle Forze di polizia, statali e locali.

Si è convenuto di dare un impulso all’utilizzo di steward e di altri operatori della vigilanza privata anche nelle ore notturne per la vigilanza delle strutture e del patrimonio dei concessionari delle spiagge. Tale misura, unita sinergicamente al controllo delle Forze di polizia già disposto e che verrà strategicamente implementato con nuove risorse nelle prossime settimane, potrà essere un deterrente anche al ripetersi di comportamenti che sono in contrasto con le regole di convivenza e con le vigenti disposizioni anti-assembramento.

Il sindaco ha dato assicurazione di valutare la sussistenza dei presupposti per un ulteriore intervento, oltre quelli già posti in essere, con apposite ordinanze volte ad arginare fenomeni che favoriscono il determinarsi di condizioni di assembramento. Il 19 luglio aprirà, infine, il Commissariato della polizia di stato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili notturni e polizia in spiaggia a Lignano contro gli assembramenti

UdineToday è in caricamento