rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca

Droga dai Balcani al Friuli, in manette la "mente" del traffico

L'operazione della Squadra Mobile di Udine ha avuto origine dall'arresto di due udinesi, scoperti a febbraio di quest'anno con 23 chili di marijuana

Due ordinanze di custodia cautelare in carcere, in attesa del possibile processo per traffico internazionale di droga. È quanto ha deciso il gip del Tribunale di Udine dopo l’arresto di un 25enne cittadino kossovaro e un 30enne albanese, entrambi regolarmente residenti in Italia. 

L'origine

L’operazione è avvenuta nell’ambito di un’indagine antidroga partita lo scorso 20 febbraio, quando gli uomini della Squadra Mobile della Questura cittadina arrestarono in flagranza di reato un 51enne e la sua compagna 42enne — entrambi udinesi — per detenzione ai fini di spaccio. In casa avevano 23 chili di marijuana e 70 grammi di cocaina. 

In carcere

Gli sviluppi investigativi hanno portato a identificare i due soggetti provenienti dall’area balcanica. Il 25enne ha dei precedenti in materia di stupefacenti, ma è il 30enne — residente nell’hinterland milanese — quello a essere considerato come l’anello di congiunzione tra Italia e Albania (da dove proverebbe la droga) per il traffico di stupefacente. Il 30enne è stato arrestato martedì dal personale della Polizia di Milano e si trova a San Vittore, il 25enne è stato bloccato ieri sera e portato al carcere del Coroneo di Trieste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga dai Balcani al Friuli, in manette la "mente" del traffico

UdineToday è in caricamento