Nadia Orlando, 6 mesi dalla sua morte: «Mazzega deve stare in carcere, non a casa»

Prosegue la protesta del dignanese Giuseppe Melillo, che oggi è stato sia a Muzzana che alla sede della Polstrada di Palmanova

Giuseppe Melillo

«Educata, rispettosa, sempre presente. Lo faccio per lei, ma anche per tutte le ragazze e le donne nel mirino di mostri del genere, che in tanti casi non hanno avuto giustizia». È così che Giuseppe Melillo racconta la sua battaglia per Nadia Orlando. Oggi, in occasione dei sei mesi della scomparsa della giovane, si è presentato sia fuori dalla sede della Polstrada di Palmanova che a Muzzana. Due luoghi simbolo della tragedia, visto che nel primo il reo confesso Francesco Mazzega si costituì, portando in auto il corpo della vittima, e nel secondo - a casa dei genitori - sta passando il suo tempo in attesa del processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nadia Orlando: la sua tragica vicenda

«A lui resta la vita, a Nadia nulla»

«Manifesto per un’ingiustizia, che ha visto distruggere un’esistenza che doveva essere ancora vissuta e rovinare la vita a una famiglia di bravissime persone. Li conosco tutti, abito a 800 metri da loro - racconta -. Non mi fermerò. Questa è la sesta volta che vado a Muzzana e ci tornerò, per ribadire che un assassino non può stare a casa sua. Mi ha fatto molto piacere che oggi diverse persone del paese si siano fermate a esprimermi solidarietà. Sanno che non ce l'ho coi muzzanesi. Mazzega deve stare in galera. A lui, anche dovessero dare l’ergastolo, resta la vita. A Nadia non resta nulla».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • Alice, Viola e Jenny: le tre bellissime friulane in finale a Miss Mondo

  • Incidente mortale sulla strada Ferrata, tra Varmo e Morsano

  • Ex Cavarzerani, Fedriga: "Cacciateli subito". Si pensa a nuove aree di accoglienza

  • A Trieste "rischio" riammissioni in Slovenia, ecco perché i migranti arrivano a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento