menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Lignano: prelevato il DNA in un circo del bergamasco

I Carabinieri di Udine hanno effettuato dei controlli sul personale del circo "Bellucci più Mario Orfei", che stazionava nella località balneare friulana durante il periodo dell'omicidio

Secondo quanto ha riferito l'agenzia ANSA le indagini sul duplice omicidio di Lignano Sabbiadoro arrivano fino a Bergamo. I carabinieri di Udine infatti, si sono recati nella provincia orobico, per la precisone ad Azzano San Paolo, dove dal 23 agosto si è installato un circo che stazionerà fino al 16 di settembre.

I militari dell'Arma hanno prelevato il DNA e le impronte digitali a tutti e cinquanta gli artisti del 'Bellucci più Mario Orfei', come confermato dal 'patron' del circo, Attilio Bellucci, in una intervista al quotidiano 'L'Eco di Bergamo'.

I CANI TROVANO ALTRI 10.000 EURO NELLA CASA DEL DELITTO

Bellucci ha chiarito che: ''nessuno di noi è sospettato per quell'atroce delitto. I Carabinieri sono venuti per un semplice controllo, perchè non erano riusciti a identificarci tutti quando eravamo a Lignano''.

Il circo era infatti presente nella località balneare nel periodo dell'assassinio dei coniugi Paolo Burgato e Rosetta Sostero, avvenuto nella notte tra sabato 18 e domenica 19 agosto.

Ha raccontato Bellucci che ''la mattina del 20 è partita per Bergamo la prima parte della carovana, mentre il 21 la seconda, con cinque mezzi e una quindicina di persone. I carabinieri sono venuti per un controllo il 21, hanno chiesto i documenti nostri e dei veicoli, ma mancavano quelli degli altri artisti che erano già partiti. Così sono tornati martedì per completare le verifiche. Comunque al momento dell'assassinio eravamo tutti in scena''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento