menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'assassino voleva rapire Silvia Gobbato e chiedere un riscatto

Secondo le prime indiscrezioni, l'uomo non voleva ucciderla, ma minacciarla con il coltello. "Avevo bisogno di soldi e ho pensato a un rapimento". Parla il legale della famiglia Gobbato: "Silvia non conosceva l'assassino"

Secondo le indiscrezioni trapelate dall'interrogatorio nella caserma dei Carabinieri in viale Trieste, Nicola Garbino, l'uomo fermato per l'omicidio Gobbato, non voleva uccidere. "Volevo rapirla e chiedere un riscatto - avrebbe dichiarato - avevo bisogno di soldi, l'ho vista correre da sola e il coltello serviva per minacciarla, ma non per uccidere". Per i Carabinieri, il caso sembra risolto e non ci sarebbero più dubbi sull'identità dell'assassino, anche se non hanno ancora fatto dichiarazioni ufficiali in merito.

GARBINO SCOPERTO DAI CARABINIERI: "MI AVETE BECCATO"

Intanto arrivano anche le dichiarazioni dal  legale della famiglia Gobbato. ''Silvia non aveva mai dato ai famigliari segni di paura o di mutamento delle sue abitudini. Sembra che non conoscesse l'uomo che è stato fermato accusato del suo omicidio''. Lo afferma l'avvocato Monica Zamparutti legale dei genitori e del fratello della vittima. ''I famigliari preferiscono non parlare, vogliono solo ricordare la ragazza com'era. Chiedono di rimanere soli nel loro dolore". "E' presto per fare ogni commento - aggiunge l'avvocato - i famigliari attendono le verifiche degli investigatori e lo sviluppo delle indagini''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Violento scontro all'incrocio, auto distrutte e 4 persone in ospedale

  • Attualità

    Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

  • Sport

    Crotone-Udinese 1:2 | Riparte la corsa al decimo posto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento