rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Centro Studi

Striscione fuori dal Malignani: "Occhi fissi all’avventura per noi che non abbiam paura"

L'iniziativa è promossa da Blocco Studentesco visto che la dirigenza della scuola ha sostituito alcune mete per le gite scolastiche. La vicepreside "Ieri l'incontro con gli studenti. Nessun dissenso da parte loro, ma collaborazione"

Questa mattina sulla recinzione esterna dell'istituto Malignani è comparso uno striscione per rispondere alla decisione presa dalla dirigenza della scuola di sostituire determinate mete per le visite d’istruzione delle classi quinte, in seguito ai recenti fatti di cronaca legati al terrorismo.

La protesta

A promuovere l'iniziativa Blocco Studentesco: “Con la scritta  - Occhi fissi all’avventura per noi che non abbiam paura - è nostra intenzione sottolineare, goliardicamente, come togliere determinate mete, ad esempio la gettonatissima Barcellona, per quanto capibile è sbagliato. Infatti non è scartando una particolare meta che si evita il pericolo, purtroppo l’allerta è altissima in ogni città d’Europa. È pericoloso un viaggio a Barcellona, ma può esserlo ancora di più farsi condizionare a tal punto dalla paura. Confidiamo nel fatto che la paura non abbia il sopravvento. Noi continueremo ad essere vicini agli studenti che non vogliono arrendersi al regime della paura instaurato da questi quattro talebani”.

La risposta della vice preside

Non tarda ad arrivare il chiarimento dall'istituo tecnico Malignani. «Proprio ieri c'è stato un incontro con i rappresentanti delle classi quinte in cui si è discusso proprio delle mete delle gite scolastiche - racconta la vice preside Anna Maria Fehl - Non abbiamo riscontrato dissenso, ma anzi grande partecipazione. E' stato deciso di comune accordo con gli studenti di escludere alcune città, non solo per il rischio terrotristico, ma anche per difficoltà dovute a controlli e a situazioni di tensione, in favore di altre che non sono da meno come Praga, Cracovia, Auschwitz, il triangolo dell'Andalusia, Malta e Dublino. Non vi è stata alcuna direttiva ministeriale - conclude la vice preside - solo una discussione aperta con gli studenti che hanno compreso il momento. Siamo rimasti stupiti di questo gesto che però, siamo sicuri, sia una dichiarazione di quei pochi che non hanno accettato l'esclusione di mete come Londra, Barcellona».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscione fuori dal Malignani: "Occhi fissi all’avventura per noi che non abbiam paura"

UdineToday è in caricamento