Tricesimo cambia in meglio il sistema di raccolta dei rifiuti

Saranno necessari quattro mesi perchè il nuovo metodo vada a regime, ma una volta in funzione permetterà un significativo aumento del materiale riciclato e risparmi per chi differenzia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Al via da questa settimana il procedimento per il cambio di raccolta dei rifiuti per i cittadini di Tricesimo. “Il passaggio al nuovo metodo di conferimento - spiega il sindaco, Andrea Mansutti - si concluderà non prima di quattro mesi”. Tanto è il tempo necessario, infatti, per l’amministrazione municipale, e la Net Spa in particolare, per perfezionare il sistema, studiato per aumentare al massimo la raccolta differenziata. “Al momento l’indicatore si attesta indicativamente tra il 55 e il 57%. Una volta a regime con la nuova procedura, stimiamo di incrementare di molto la percentuale”.
 
Il metodo è stato già collaudato con successo nel comune di Buja dove la frazione differenziata del rifiuto è salita di molto, fino all’82-83%
, con ottima collaborazione dei residenti.
 
Cosa cambierà, di fatto, tra quattro mesi? “Resta inalterato il conferimento che le famiglie effettuano nei cassonetti sulla strada per quel che riguarda vetro-alluminio, carta, vetro e umido. La modifica è nell’indifferenziato, quindi sulla frazione secca che non si può recuperare e che andrà ridotta il più possibile”.
 
Per gettare il secco, ogni famiglia sarà dotata, con consegna a domicilio, di un nuovo bidoncino dove gettare, presso la propria residenza, l’immondizia non riciclabile. Questo tipo di rifiuto, poi, sarà recuperato, sempre porta a porta, quindi a domicilio, dal personale di Net Spa. Con una periodicità che sarà comunicata a tempo debito alla popolazione.
 

Ogni conferimento di “secco” sarà monitorato elettronicamente grazie a un chip: in questo modo Net Spa, e quindi il Comune, saranno in grado di conoscere il getto di ogni nucleo famigliare in termini di numero di svuotamenti e quindi di peso. “Così si valuterà la possibilità di passare dalla tassa alla tariffa, in una prima fase in via di sperimentazione e poi in via definitiva inserendo nei parametri di conteggio della tariffa anche il numero di svuotamenti. Si stima di attivare a pieno regime il nuovo metodo nel 2013. La comunità sarà informata di ogni dettaglio con serate informative nel centro e nelle frazioni. E con la distribuzione di materiale illustrativo chiaro”.
 
In prima battuta, vista la modifica, sarà d’obbligo la tolleranza
: “ringraziamo fin da ora tutti i cittadini di Tricesimo - dice il sindaco, Andrea Mansutti - per la pazienza e l’impegno che, siamo certi, metteranno nel rispettare la procedura di raccolta. I benefici saranno duplici: tutela dell’ambiente in cui viviamo e, guardando al futuro, risparmio per chi differenzia”.
 
“Saranno inoltre attivati una serie di controlli per verificare il corretto conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini e soprattutto che residenti in altri comuni non conferiscano nel nostro territorio”.

Torna su
UdineToday è in caricamento