Premariacco: Orsaria avrà un nuovo depuratore di livello "europeo"

L'amministrazione comunale, assieme a quella di Nova Gorica, ha vinto un bando comunitario per la tutela del bacino dell'Isonzo. L'opera verrà realizzata senza nessun costo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il Comune di Premariacco, in collaborazione con il Comune di Nova Gorica, è risultato fra i vincitori di un bando europeo per la tutela del bacino dell'Isonzo grazie ad un progetto elaborato dall'acquedotto Poiana spa. “Riceveremo da Bruxelles circa 1.335.000 euro che divideremo con Nova Gorica – spiega il Sindaco Ieracitano –, e per quanto ci riguarda useremo i nostro 750.000 euro per risolvere i problemi degli allagamenti nella zona industriale di Orsaria nelle vie Malignani e Sopravilla. Il progetto, pagato in parte anche dal Comune, è stato considerato meritevole dei contributi europei in quanto risolve una serie di problemi che, scaricandosi nel corso del Natisone, finivano per interessare il bacino dell'Isonzo.”

L'assegnazione era stata impugnata dall'Assoindustria di Rovigo davanti al Tar, ma la sentenza della scorsa settimana ha confermato la decisione della commissione. “Il nostro progetto – prosegue Ieracitano - si affianca a quello di altri comuni che, con interventi diversi, perseguono la tutela ambientale dei corsi d'acqua che alimentano l'Isonzo. Ci auguriamo che risolta la questione legale ora ci sia concesso di proseguire con la progettazione definitiva e quindi con i lavori che non sono gli unici che riguardano le fognature.” Il Comune di Premariacco sta infatti attendendo dall'Acquedotto Poiana il progetto del nuovo depuratore di Orsaria che sostituirà nel tempo tutti gli attuali depuratori comunali. “L'evolversi della normativa ambientale - conferma il primo cittadino - e la necessità di concentrare le spese di manutenzione e gestione impongono la realizzazione di una nuova struttura moderna che possa trattare tutte le linee comunali sostituendo gli attuali depuratori.”

La nuova opera sorgerà poco più a sud dell'attuale depuratore e consentirà di gestire fino a 6.000 abitanti su tre linee distinte per un costo complessivo superiore al 1.100.000 di euro, tutti a carico dell'ATO della provincia di Udine per il tramite del Poiana Spa. “Fa piacere constatare – conclude Ieracitano – che la collaborazione con l’acquedotto Poiana spa, di cui siamo soci, consenta all’amministrazione comunale di sviluppare progetti concreti ed importanti, trovando anche le risorse necessarie senza indebitare gli enti locali.”

Torna su
UdineToday è in caricamento