Nuovi mezzi d'emergenza in autostrada, aiuteranno nel ripristino del manto stradale

I mezzi sono già in funzione si sono già resi utili nel ripristino della circolazione dopo un sinistro pochi giorni fa

I mezzi

Autovie Venete si attrezza per incrementare la velocità di intervento in caso di incidenti autostradali.

Proprio per questo Autovie ha rinnovato il suo parco mezzi aggiungendo due nuovi veicoli dotati di rampa integrata per il carico e lo scarico delle attrezzature.

I mezzi

Molto capienti, ospitano un mini – escavatore con pala e spazzole per pulire e raccogliere i detriti, sacchi di asfalto per il ripristino del manto stradale, polvere assorbente per assorbire il gasolio versato.

Uno di questi è stato utilizzato per risolvere rapidissimamente il sinistro accaduto qualche giorno fa in A4, fra Latisana e Portogruaro che ha visto coinvolti tre mezzi pesanti, uno dei quali ha perso una notevole quantità di carico (legna in pezzi).

Il team dei cantonieri della manutenzione d’urgenza ci ha messo un attimo a partire grazie al fatto che il mezzo era già allestito e pronto all’opera. Raggiunto il luogo del sinistro ha provveduto e ripulire rapidamente la carreggiata ripristinando la sicurezza della circolazione. Le due nuove macchine, sono state dislocate in due punti strategici dell’autostrada, una a Palmanova e una a Portogruaro perché baricentrici rispetto alla rete autostradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

Torna su
UdineToday è in caricamento