menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova casa dell'acqua nel Comune di Tavagnacco, sorgerà a Cavalicco

La struttura va ad aggiungersi a quella già esistente a Feletto e oltre a Cavalicco servirà le frazioni di Adegliacco e Molin Nuovo. Inaugurazione il 2 settembre alle 11.30

Il Comune di Tavagnacco fa il bis: dopo la Casa dell’Acqua di Feletto Umberto, anche le frazioni di Cavalicco, Adegliacco e Molin Nuovo potranno contare sulla struttura capace di erogare acqua naturale e frizzante in maniera semplice e sicura rifornendosi direttamente dall’acquedotto.

La nuova Casa dell’Acqua, ubicata in via Sottovilla, a Cavalicco, verrà inaugurata domenica 2 settembre alle 11.30.

“Esattamente due anni fa – afferma il sindaco di Tavagnacco Mario Pezzetta –, assieme a Cafc spa, abbiamo aperto la strada alla diffusione delle Case dell’Acqua inaugurando il primo impianto di questo genere in regione e già allora avevamo in mente di potenziare il servizio per agevolare le comunità della zona Est del Comune. Lo straordinario successo ottenuto a Feletto, che ha visto l’erogazione di 650mila litri d’acqua in meno di ventiquattro mesi, è stato poi replicato in numerosi altri territori della provincia, evidenziando come l’acqua a chilometro zero sia una soluzione avanzata e molto apprezzata dalla cittadinanza”.

Anche la Casa dell’Acqua di Cavalicco sarà accessibile a tutti in qualsiasi ora del giorno e conterrà due erogatori: uno per l’acqua naturale refrigerata, gratuita, e uno per quella refrigerata addizionata di C02 (anidride carbonica), il cui costo sarà di 5 centesimi al litro.

“Al Comune di Tavagnacco – spiega il presidente di Cafc spa Eddi Gomboso – va il merito di aver scommesso, per primo, sulle Case dell’Acqua che rappresentano un servizio sempre più richiesto. I cittadini ne apprezzano infatti l’utilità in termini economici grazie ai costi ridotti (pari a zero nel caso dell’acqua naturale), ecologici in virtù della riduzione delle bottiglie in plastica e dell’inquinamento dato dalla produzione e dal trasporto delle stesse e, non da ultimo, sociale, perché stanno diventando un luogo di ritrovo e socialità”.

L’impianto possiede un sistema di microfiltrazione che fornisce all'utente un’acqua oligominerale con caratteristiche del tutto simili a quella prelevata alla fonte. Il dispositivo viene inoltre igienizzato automaticamente dopo ogni prelievo ed è programmato per assicurare un ricambio dell’acqua qualora non venga utilizzato per un certo periodo di tempo.

 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento