Traffico di cuccioli, Novelli (FI): "Rafforzare la Guardia Forestale"

E' la proposta del consigliere regionale per prevenire il traffico illecito di animali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

“Quello che traspare è che dietro a questo traffico di cuccioli di cane importati dall'est Europa c'è la lunga mano della criminalità organizzata che con i suoi tentacoli è arrivata anche in Friuli Venezia Giulia, a riprova dell'allarme lanciato dal Procuratore capo di Trieste Mastelloni”.

Questa la premessa dell'interrogazione che il consigliere regionale di Forza Italia Roberto Novelli ha presentato a seguito dell'operazione compiuta dalla Guardia forestale che ha visto indagate otto persone per truffa, frode e maltrattamenti sugli animali. Una fattispecie, quella del traffico illecito di animali da compagnia, che può comportare una pena massima di un anno e una multa che può arrivare fino a 15mila Euro.

“Deve essere ben chiaro – sottolinea Novelli - che il danno non si limita a quello inferto alle bestiole, che vengono sottoposte a operazioni chirurgiche da parte di persone non titolate a farlo, ma colpisce anche chi opera in questo settore con correttezza ed onestà e che di fronte ad una concorrenza sleale di questo tipo rischia di soccombere”.

“Essere ad esempio un allevatore onesto – spiega Novelli - significa vendere un cane che è perfettamente in regola con i vaccini e che è quindi una garanzia di sicurezza per l'acquirente, che spesso magari ha anche dei bambini i quali poi diventano i primi amici dell'animale. Per questo è importante continuare a monitorare una situazione in cui la vicinanza al confine, nel caso della nostra regione, gioca un ruolo significativo”.

“Proprio per strutturare e rafforzare questo controllo sottopongo all'assessore Bolzonello e alla Presidente Serracchiani il quesito – interroga Novelli - se non ritengono opportuno, anzi indispensabile, istituire un nucleo speciale del Corpo Forestale regionale per la lotta e le prevenzione a questo tipo di traffico illecito di animali. In subordine di provvedere al rinforzo di un organico che, nonostante sia ridotto nelle dimensioni – conclude Novelli -, ha dimostrato di avere professionalità e competenza da poter conseguire sul piano investigativo brillanti risultati”.

Torna su
UdineToday è in caricamento